HOME
IL MIO PRIMO SITO WEB SU CEFALONIA
Filmati ed interviste su Cefalonia
IL MIO SECONDO SITO SU CEFALONIA
I MIEI LIBRI SU CEFALONIA
NOTIZIARIO
* * *
I FATTI DI CEFALONIA DEL
SETTEMBRE 1943
______________________________
 
UNA VIA DI ROMA INTITOLATA A
FEDERICO FILIPPINI
'MARTIRE DI CEFALONIA 1901-1943'
http://www.comune.roma.it/servizi/SITOWPS/dettaglioAreaCircolazione.do?codiceVia=17209
:
http://www.italiaestera.net/modules.php?name=News&file=article&sid=9083
* * *
L'infame Ordine di Resistere del Comando Supremo italiano
-la cui copia è conservata nell'Archivio dell' Ufficio Storico dello SME-
fu inviato il 13 settembre '43 al gen. Gandin dal Comando Supremo del governo 'Badoglio' che, nella fretta di scappare per sottrarsi alla vendetta tedesca,
DIMENTICO' di ...DICHIARARE GUERRA ALLA GERMANIA.
La guerra fu dichiarata ma solo il 13 ottobre successivo con la conseguenza che i nostri Militari
-i quali nel frattempo eseguirono l'Ordine di Resistere ai tedeschi-
vennero considerati -purtroppo a ragione- 'franchi tiratori' o 'partigiani' come tali passibili di fucilazione come avvenne dopo la fine degli inutili combattimenti quando i tedeschi -per fortuna della truppa- si 'limitarono' a fucilare i soli Ufficiali nella misura di 129 il 24 e 7 -tra cui mio Padre- il 25 settembre '43.
SU QUESTA LAPALISSIANA VERITA' C'E' CHI IN ITALIA SORVOLA ANCORA OGGI PER ADDOSSARE TUTTE LE COLPE AI CARNEFICI TEDESCHI FORSE SENZA CAPIRE CHE IN TAL MODO ASSOLVE I MISERABILI CHE INVIARONO IL CRIMINALE ORDINE: BADOGLIO E IL COMANDO SUPREMO (GEN. LI AMBROSIO E ROSSI)
______________
Quotidiano LA STAMPA del  15 /9/1943
* * *
La DICHIARAZIONE DI GUERRA ALLA GERMANIA
avvenne il 13 Ottobre 1943 e
l'Ordine di COMBATTERE
contro i tedeschi fu inviato al gen. Gandin
esattamente un mese prima
con l'effetto di rendere INAPPLICABILI ai nostri MILITARI
-durante tale lasso di tempo-
le Norme della Convenzione di Ginevra riguardanti la TUTELA dei PRIGIONIERI DI GUERRA, lasciando pertanto alla mercè dei tedeschi con la qualifica di combattenti 'irregolari'
-ovvero 'partigiani' o 'franchi tiratori'-
i nostri Soldati che in obbedienza di tale Ordine combatterono contro di loro.
Con tutte le conseguenze del caso ivi compresa l'eventualità che potessero essere fucilati come avvenne a Cefalonia e Corfù per gli Ufficiali.
Se Badoglio e i vigliacchi del suo 'entourage' credettero di poter giocare con i tedeschi sbagliarono di grosso e pertanto
SONO RESPONSABILI DELLA MORTE
dei nostri Militari al pari dei tedeschi che furono
-nella circostanza-
implacabili autori di una RAPPRESAGLIA che potevano anche risparmiarsi
-e nessuno più dello scrivente ne sarebbe stato felice-
ma che stoltamente eseguirono come da loro consolidata e disumana tradizione bellica.
Ma tutto partì dall'infame Ordine 'badogliano' che precedette la
DICHIARAZIONE DI GUERRA AVVENUTA SOLO IL 13 OTTOBRE SUCCESSIVO
addirittura dietro insistente invito del gen. Eisenhower Comandante in Capo delle Forze Alleate scandalizzato dal comportamento del governo 'Badoglio' che gettò CONSAPEVOLMENTE i suoi Militari nelle fauci dei tedeschi i quali -per tragica ironia- furono addirittura legittimati dalle Convenzioni Internazionali ad attuare l'infame operato.
Questa è la realtà dura, triste e tragica che da quasi settanta anni si nasconde al popolo italiano indirizzandone lo sdegno UNICAMENTE sui tedeschi
-non solo moltiplicando i Morti per cinque (!) -
ma addirittura mostrando quel che avvenne come una
SPONTANEA SCELTA DI COMBATTERE DELL'INTERA DIVISIONE ACQUI !!
Ogni ulteriore considerazione è superflua:
SOLO UN CRETINO PUO' CREDERE A TALI FANDONIE.
Massimo Filippini
__________________________
13 Ottobre 1943 L'Italia dichiara guerra alla Germania
* * *
CEFALONIA MITO RESISTENZIALE
( fasullo e Martiri veri Ndr)

Un articolo sul processo 'Muhlhauser' del 2009 -estinto per morte dell'imputato- che si adatta in tutto e per tutto a quello attualmente in corso contro l'ex caporale Alfred Stork comandato a far parte del plotone che fucilò i nostri SFORTUNATI UFFICIALI che pagarono con la vita
l'OBBEDIENZA all'ORDINE DI RESISTERE inviato dal Comando Supremo del Governo 'Badoglio'
SENZA AVER DICHIARATO GUERRA ALLA GERMANIA
dopo la resa del giorno 22 settembre '43.
Non l'ho scritto io ma è come se l'avessi fatto. Complimenti all'autore.
Massimo Filippini
CEFALONIA MITO RESISTENZIALE (fasullo e Martiri veri Nda)
* * *
Nel 2000 fui intervistato dal gornalista P. Pisanò a Milano per commentare -alla luce del mio primo libro sulla vicenda- i fatti avvenuti a Cefalonia.
Da notare che all'epoca
TUTTI
eravamo convinti che le VITTIME fossero state
circa DIECIMILA
come si era sempre detto.
Nel 2006 però le mie ricerche mi condussero allo strabiliante risultato che
i MORTI a Cefalonia furono '1.639 MILLESEICENTOTRENTANOVE)
esclusi ovviamente quelli deceduti -fuori dall'isola- come i poveretti periti in mare per lo scoppio su mine
-da noi deposte in precedenza-
delle navi che li trasportavano in Continente e pochi altri deceduti altrove.
Resta il fatto però che per anni si è fatto credere ad una
STRAGE DI MASSA
addrttura 'ciclopica' come la descrisse uno 'studioso' presuntuoso ma poco informato avvalorando l'incredibile tesi secondo cui
-addirittura in un solo giorno !-
sarebbero stati fucilati 5.000 soldati (!!) oltre153 (!) Ufficiali come recita anche la menzognera lapide affissa nel 1978 sul Sacrario dei Caduti a Cefalonia di cui nessuna Autorità Politica o Militare si è presa la briga finora di correggere tale scempiaggine.
Massimo Filippini
_______________

L'intervista in quattro parti è visibile cliccando sotto
_________
INTERVISTA A MASSIMO FILIPPINI (ANNO 2000)
 
 
 
 
 
    HOME    
HOME | IL MIO PRIMO SITO WEB SU CEFALONIA | Filmati ed interviste su Cefalonia | IL MIO SECONDO SITO SU CEFALONIA | I MIEI LIBRI SU CEFALONIA | NOTIZIARIO