HOME
'LA TRAGEDIA DI CEFALONIA' di Massimo Filippini
"CEFALONIA LE VERITA' SCOMODE"
LETTERA APERTA A W. VELTRONI
PAOLETTI VERGOGNATI
IL CORRIERE DELLA SERA DEFINISCE GANDIN UN 'TRADITORE'
La Ballata della Acqui ovvero...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA G. E. RUSCONI
IL 'BUSINESS' CEFALONIA
Le mani della Sinistra su Cefalonia
LINK
ELENCO DEI CADUTI
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
NON CI FU REFERENDUM
UNA 'SINISTRA' ICONA: IL 'COMPAGNO-CAPITANO' PAMPALONI
TRADITORI A CEFALONIA
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
I MISERABILI DI CEFALONIA
Notizie ANRP
Notizie ANRP 2 - Italiani brava gente ?
ODE SU CEFALONIA
AVVISO ALLE FF AA: Gandin fu un traditore - F.to Insolvibile
LA VOCE DEI LETTORI
Notizie dall' Associazione 'Acqui'
QUANTI FURONO I CADUTI ?
CHI E' SENZA PECCATO...
Si scrive ANRP si legge ANPI
CEFALONIA in 'buone mani'
Dove stavano gli 'studiosi' nel 1998 ?
CEFALONIA: la 'sagra' delle bugie
L'Istruttoria in Germania e la mia costituzione di Parte Civile
RASSEGNA STAMPA
IO E I PRESIDENTI
Il fratello del gen. GANDIN ci scrive...
Il Presidente Ettore Gallo ci scrive...
Convegno a Firenze del 24 ott. 2003
Intervento di Massimo Filippini al Convegno di Firenze
RARITA' LIBRARIE
Il mandolino di ...Paoletti
Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato
Fango sul gen. Gandin
LE GESTA DI APOLLONIO
L'INVENZIONE DEL RAGGRUPPAMENTO BANDITI ACQUI
ATTILIO TAMARO su Cefalonia
Indro Montanelli su Cefalonia
Mario Cervi su Cefalonia
Sergio Romano su Cefalonia
L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Il Reduce Ermanno Bronzini racconta...
Il Reduce Alfredo Reppucci racconta...
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta...
Il Reduce Guido Veronesi racconta...
Il Reduce O. Giovanni Perosa ...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
Il Reduce Saverio Perrone ci scrive...
IL 'fattaccio compiuto'
IL CAPITANO PIERO GAZZETTI: un Martire dimenticato
I DIMENTICATI DI CEFALONIA
LA RELAZIONE DEL CONSOLE V. SEGANTI
LINK AL PRECEDENTE SITO
ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA
IL PROCESSO PER I FATTI DI CEFALONIA
COMPAGNI DI MERENDE
IMMAGINI DEI CADUTI
APOLLONIO: un mito per pochi intimi
DISINFORMAZIONE SU CEFALONIA
IL CORRIERE DELLA SERA DEFINISCE GANDIN UN "TRADITORE"
...E NEL DUCATO ROSSO DI TOSCANA INDICONO UN CONVEGNO SUL LIBRO DEL
"GRAN RICERCATORE" PAOLETTI
___________
* * *

...E LE FF AA STANNO A GUARDARE

Come abbia fatto il Corriere della Sera a pubblicare senza curarsi della sua benche' minima rispondenza ai fatti che avvennero a Cefalonia, l'articolo che segue, e' inspiegabile, tanto piu' che il nuovo Direttore del giornale e' Paolo Mieli, ben noto per la sua imparzialita' di storico.
Rimane il fatto incredibile che un articolo come quello sotto riportato, zeppo di travisamenti, di omissioni e di interpretazioni non tanto soggettive ma addirittura a vanvera dei fatti, in cui si elogia l'opera del capofila della "nouvelle vague", Paolo Paoletti, cui si rifanno, come ad una sorta di vangelo, i Pinocchi marxisti vecchi e nuovi, abbia trovato ospitalita' in un giornale serio come il Corriere.
Avrei voluto scrivere piu' a lungo ma non ne vedo la necessita': bastera' leggere quel che c'e' scritto per rendersi conto di cosa si tratti e trasecolare.
Una cosa pero' mi preme rilevare in questo 'bailamme' cui e' sottoposta la tragica vicenda di Cefalonia e cioe'

L'ASSOLUTO SILENZIO

delle nostre FF AA di fronte alla sistematica denigrazione di una "loro" Medaglia d'Oro.
Al Ministro della Difesa ed al Capo di Stato Maggiore ricordo che quanto sopra integra un ben preciso reato: quello di
"Vilipendio delle Forze Armate"
di fronte al quale e' obbligatorio intervenire tanto piu' che non risulta che tale Reato sia stato abrogato.
Per finire un invito ai lettori a protestare esprimendo al Corriere della Sera tutto il loro sdegno per l'inopportuna pubblicazione dell'articolo.
Sara' stato forse un infortunio, ma il fatto resta: ed e' gravissimo.

Massimo Filippini
_______________________
* * *

Sul Corriere della Sera del 25.1.05 e' apparso il seguente articolo:
Un ricercatore attribuisce al generale Gandin la responsabilita' della tragedia: troppo debole verso i nazisti. Che poi lo fucilarono

Strage di Cefalonia, il comandante italiano sotto accusa

IL MESSAGGIO

Cefalonia fa discutere da sempre. La retorica ufficiale considera il sacrificio della divisione Acqui un episodio glorioso, Sergio Romano l'ha invece definito una "pagina nera della storia militare italiana". Ma la tesi del ricercatore fiorentino Paolo Paoletti suona particolarmente polemica: a suo avviso il maggiore responsabile della tragedia fu il comandante della divisione, generale Antonio Gandin, insignito della medaglia d'oro alla memoria. Andiamo con ordine. Come tutti sanno, nelle isole greche di Cefalonia e Corfu' la divisione Acqui, dopo l'8 settembre 1943, rifiuto' di consegnare le armi e cerco' di trattare un onorevole ritorno in patria, ma venne aggredita e sopraffatta. Segui' l'uccisione di buona parte dei prigionieri da parte dei tedeschi: circa duecento ufficiali, compreso Gandin, e quattromila soldati perirono nella strage.
L'attenzione di Paoletti si e' concentrata sul negoziato condotto dal generale italiano con il tenente colonnello Hans Barge, che comandava le forze della Wehrmacht sull’isola dello Jonio. Dopo aver svolto accurate ricerche sui documenti disponibili, non solo nel nostro Paese, ma anche nell'archivio militare tedesco di Friburgo, lo studioso toscano ha scritto un libro, I traditi di Cefalonia (Fratelli Frilli, pp. 351, 19,50), che getta pesanti ombre sulla figura di Gandin. "Non a caso - dichiara - il manoscritto e' stato rifiutato da Mursia, che aveva pubblicato due miei libri precedenti. E l'uscita del volume è stata seguita da un eloquente silenzio".
L'autore accusa il comandante di aver tenuto un atteggiamento debole nei confronti dei tedeschi, allo scopo di ottenere un rientro in patria che, nelle condizioni date, significava tornare nelle regioni italiane occupate dai nazisti. "Il primo ordine di Gandin - ricorda Paoletti - e' il ritiro dal nodo strategico di Kardakata, che viene ceduto alla Wehrmacht il 9 settembre, senza colpo ferire, come segno di buona volontà nelle trattative di resa. Nel frattempo il generale si rifiuta di parlare con la missione militare alleata presente a Cefalonia".
Poi pero', con i negoziati in corso, la situazione precipita: "Il 12 settembre i tedeschi s'impadroniscono con la forza di alcune batterie italiane. E Gandin ordina di non reagire. All'indomani i nazisti sbarcano uomini e mezzi sull'isola, in violazione dello status quo, e vengono presi di mira dall'artiglieria della Acqui. Cio' nonostante, lo stesso giorno 13, il comandante italiano raggiunge un accordo di resa, che comporta la cessione delle armi pesanti".
Siamo giunti al momento cruciale: "Nella notte fra il 13 e il 14 si tiene la famosa "consultazione" dei reparti. Il comandante della Acqui propone ai suoi uomini tre opzioni: combattere al fianco dei tedeschi; cedere le armi e arrendersi; affrontare la Wehrmacht. Quando la truppa risponde che intende battersi, Gandin invia a Barge un messaggio il cui contenuto - denuncia Paoletti - e' stato a lungo mutilato della frase iniziale, la piu' significativa: "La divisione si rifiuta di ubbidire al mio ordine di raccogliersi nella zona di Sami". In questo modo, definendo i suoi uomini degli ammutinati, il generale li espone all'atroce rappresaglia tedesca, che viene attuata nei giorni successivi su ordine di Hitler. Cosi' si spiega l'unicita' degli avvenimenti di Cefalonia e Corfu': solo in quelle isole i soldati italiani che avevano resistito dopo l'8 settembre vennero sterminati in massa dopo la resa".
La polemica ha un precedente di sessant'anni fa. I militari italiani risparmiati dai tedeschi e rimasti a Cefalonia dopo l'eccidio costituirono un gruppo partigiano e si conquistarono numerose benemerenze presso gli alleati. Al ritorno in patria pero' accusarono il defunto Gandin, considerato un eroe, di aver compromesso le possibilita' di resistenza della divisione. In seguito l'accusa si rovescio': alcuni dei sopravvissuti furono inquisiti per insubordinazione nei riguardi di Gandin, poiche' nel settembre 1943 avevano sollecitato piu' fermezza verso i tedeschi. Gli imputati vennero prosciolti in fase istruttoria, ma il loro contributo alla lotta contro il Terzo Reich, sottolinea Paoletti, e' stato quasi dimenticato: "Erano scomodi, un po' come il mio libro e per questo si e' preferito cancellarli dalla memoria collettiva".

Antonio Carioti

(dal sito del corriere della sera)
* * *
LA "ROSSA" REGIONE TOSCANA, PATRIA DELL' " EROE" PAMPALONI
(CHE CONSEGNO' ARMI AI NEMICI IL 9 SETTEMBRE)
RIPROPONE L' ORMAI DATATO LIBRO DI PAOLETTI
PER RIPETERE LA SOLITA
"TIRITERA"
SUL "TRADITORE" GANDIN

....E LE FF AA STANNO A GUARDARE
___________________
* * *
(Dal web)
Consiglio regionale della Toscana

Comunicato n. 090 del 30/01/2004

Libri: una rivisitazione della tragedia di Cefalonia

Il volume di Paolo Paoletti sulle vicende della Divisione Acqui sara' presentato lunedi' prossimo in Consiglio regionale

Un'accurata e attenta rivisitazione delle tragiche vicende di Cefalonia e della Divisione Acqui: un episodio, che al pari di molti altri di quel periodo storico, presenta ancora punti oscuri e interrogativi non risolti. A farla un libro, "I traditi di Cefalonia", scritto da Paolo Paletti ed edito nella collana storica dei Fratelli Frilli editori. Il volume verra' presentato dal presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini lunedi' prossimo 2 febbraio, alle ore 17, nella Sala Gonfalone in Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio regionale della Toscana, in via Cavour 2 a Firenze. Interverranno anche i docenti Luigi Lotti, che ha curato la prefazione, e Pierluigi Ballini. "I traditi di Cefalonia" frutto di ricerche archivistiche presso l'uffico storico dello stato maggiore dell'Esercito e della Marina militare, l'archivio militare tedesco di Friburgo e della lettura degli atti del processo di Norimberga contro l'ufficiale comandante del XXII Corpo d'armata germanico. La scoperta di nuovi documenti inediti ha imposto una rilettura generale di tutti i fatti che precedettero l'inizio delle ostilita' in primis una lettera consegnata dal generale Antonio Gandin, comandante della divisione Acqui, al comandante del presidio tedesco di Cefalonia, in cui il nostro ufficiale accusava la divisione di non aver ubbidito al suo ordine di deporre le armi. Nel libro di Paoletti si ripropone quella lettura, insieme ad altri documenti tedeschi dove si accusano i soldati italiani di atti di ribellione contro gli ufficiali favorevoli alla resa, come unica spiegazione al fatto che Hitler ordino' solo a Cefalonia l'esecuzione di massa dei soldati prigionieri di guerra. Paolo Paoletti, gia' docente di lingua e letteratura tedesca e inglese, oggi ricercatore negli archivi militari, ha pubblicato oltre una decina di saggi, sei dei quali sui crimini di guerra tedeschi in Italia. (cem)
________________

BREVE COMMENTO:
Le "rivelazioni" contenute nella lettera di Gandin, definite addirittura "criminogene"
dal "Gran Ricercatore" Paoletti, del Ducato Rosso di Toscana,
costituiscono il cavallo di battaglia per accusare dei peggiori crimini,
- primo fra tutti quello di "tradimento"-
una Medaglia d'Oro delle nostre FF AA, integrando un ben preciso reato: quello di
"Vilipendio delle FF AA"
(che non ci risulta sia stato abrogato),
in quanto il Gran Ricercatore del Ducato Rosso di Toscana non puo' ignorare che i tedeschi erano perfettamente a conoscenza
-per esserne stati spettatori ed oggetto-
degli atti di aggressione contro di loro e di ammutinamento contro il Comando di Divisione.
Ricordiamo, dei primi, l'assassinio del capitano del genio tedesco Zeitel subito dopo la sparatoria a tradimento contro le due famose motozattere tedesche, ( che non erano affatto "stracariche" di armi e di soldati) e dei secondi, l'assassinio del Capitano Gazzetti ad opera di un Maresciallo di Marina che gli urlo': "Anche voi appartenente alla schiera vigliacca dei traditori !" e il lancio di una bomba a mano contro l'auto del gen. Gandin da parte di un Carabiniere imbevuto d'odio contro il Comando di Divisione.
ALLA LUCE DI CIO' E' SEMPLICEMENTE GROTTESCO OLTRE CHE PENALMENTE RILEVANTE SCRIVERE E RACCONTARE CHE I TEDESCHI NON AVREBBERO SAPUTO NIENTE SE IL "TRADITORE" GANDIN NON GLIELO AVESSE "RIVELATO".

Possibile che nel Ducato Rosso di Toscana non siano al corrente di cio' ?
Ma su che razza di libri "studiano" ?

MF
________________
 
 
 
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | 'LA TRAGEDIA DI CEFALONIA' di Massimo Filippini | "CEFALONIA LE VERITA' SCOMODE" | LETTERA APERTA A W. VELTRONI | PAOLETTI VERGOGNATI | IL CORRIERE DELLA SERA DEFINISCE GANDIN UN 'TRADITORE' | La Ballata della Acqui ovvero... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA G. E. RUSCONI | IL 'BUSINESS' CEFALONIA | Le mani della Sinistra su Cefalonia | LINK | ELENCO DEI CADUTI | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | NON CI FU REFERENDUM | UNA 'SINISTRA' ICONA: IL 'COMPAGNO-CAPITANO' PAMPALONI | TRADITORI A CEFALONIA | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | I MISERABILI DI CEFALONIA | Notizie ANRP | Notizie ANRP 2 - Italiani brava gente ? | ODE SU CEFALONIA | AVVISO ALLE FF AA: Gandin fu un traditore - F.to Insolvibile | LA VOCE DEI LETTORI | Notizie dall' Associazione 'Acqui' | QUANTI FURONO I CADUTI ? | CHI E' SENZA PECCATO... | Si scrive ANRP si legge ANPI | CEFALONIA in 'buone mani' | Dove stavano gli 'studiosi' nel 1998 ? | CEFALONIA: la 'sagra' delle bugie | L'Istruttoria in Germania e la mia costituzione di Parte Civile | RASSEGNA STAMPA | IO E I PRESIDENTI | Il fratello del gen. GANDIN ci scrive... | Il Presidente Ettore Gallo ci scrive... | Convegno a Firenze del 24 ott. 2003 | Intervento di Massimo Filippini al Convegno di Firenze | RARITA' LIBRARIE | Il mandolino di ...Paoletti | Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato | Fango sul gen. Gandin | LE GESTA DI APOLLONIO | L'INVENZIONE DEL RAGGRUPPAMENTO BANDITI ACQUI | ATTILIO TAMARO su Cefalonia | Indro Montanelli su Cefalonia | Mario Cervi su Cefalonia | Sergio Romano su Cefalonia | L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Il Reduce Ermanno Bronzini racconta... | Il Reduce Alfredo Reppucci racconta... | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta... | Il Reduce Guido Veronesi racconta... | Il Reduce O. Giovanni Perosa ... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | Il Reduce Saverio Perrone ci scrive... | IL 'fattaccio compiuto' | IL CAPITANO PIERO GAZZETTI: un Martire dimenticato | I DIMENTICATI DI CEFALONIA | LA RELAZIONE DEL CONSOLE V. SEGANTI | LINK AL PRECEDENTE SITO | ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA | IL PROCESSO PER I FATTI DI CEFALONIA | COMPAGNI DI MERENDE | IMMAGINI DEI CADUTI | APOLLONIO: un mito per pochi intimi | DISINFORMAZIONE SU CEFALONIA