HOME
Un eccidio senza prove
LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini
Il numero dei Caduti a Cefalonia
OCCASIONI LIBRARIE
UNA SINISTRA ICONA: il compagno-capitano e Fiorino d'Oro Pampaloni
Il processo per i fatti di Cefalonia
Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza
La vedova del capitano Bronzini ci scrive
I PIFFERAI DI CEFALONIA
PAOLETTI VERGOGNATI
LA BALLATA DELLA ACQUI
CEFALONIA: LA SAGRA DELLE BUGIE
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
PADRE ROMUALDO FORMATO...
ODE SU CEFALONIA con aggiornamento
RECENSIONI
Film RAI CEFALONIA: MA CHE BELLA FICTION !
L I N K
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI
IO E I PRESIDENTI
RINGRAZIAMENTI: si fa per dire...
ASSOCIAZIONE Acqui: la faziosità è di casa
Il Capitano Gazzetti un Martire dimenticato
TRADITORI A CEFALONIA
IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE
NON CI FU REFERENDUM
Le mani della Sinistra su Cefalonia
Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA NEL 1998 ?
COMPAGNI DI MERENDE
IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI...
IL BUSINESS CEFALONIA
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
Lettera aperta a W. Veltroni
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
I MISERABILI DI CEFALONIA
NOTIZIE ANRP
NOTIZIE ANRP - 2
Gandin fu un Traditore: f.to Insolvibile
LA VOCE DEI LETTORI
NOTIZIE ASS.NE ACQUI
CHI E' SENZA PECCATO...
Si scrive ANRP si legge ANPI
CEFALONIA IN BUONE MANI
L'Istruttoria in Germania e la mia Costituzione di Parte Civile
RASSEGNA STAMPA
ATTILIO TAMARO SU CEFALONIA
Il fratello del gen. GANDIN ci scrive...
Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale ci scrive...
24. X. 2003 - Convegno di Firenze dell'ANCFARGL
Intervento di M. Filippini al Convegno di Firenze
Il mandolino ...di Paoletti
Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato
FANGO SUL GENERALE GANDIN
LE GESTA DI APOLLONIO
Indro Montanelli su Cefalonia
Mario Cervi su Cefalonia
Sergio Romano su Cefalonia
L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Il Reduce Alfredo Reppucci racconta...
Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta...
Il Reduce Guido Veronesi racconta...
Il Reduce O. Giovanni Perosa racconta...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
Il Reduce Saverio Perrone ci scrive...
Il 'fattaccio' compiuto
I DIMENTICATI DI CEFALONIA
LA RELAZIONE DEL CONSOLE VITTORIO SEGANTI
LINK AL PRECEDENTE SITO
Archivio Rassegna Stampa
APOLLONIO UN MITO PER POCHI INTIMI
IL CAPITANO PIERO GAZZETTI:
UN MARTIRE VILMENTE DIMENTICATO
Vedi presentazione in Home Page
"Per recarmi all'ospedale, sito alla periferia della città, era tuttavia necessario un automezzo che mi venne gentilmente offerto dal Cap. Piero Gazzetti di Pavia, del Comando della Divisione. Ma quando questi, per raggiungere la mia abitazione dovette passare per il centro della città, venne fermato da un sottufficiale di marina il quale, quando seppe che l'autocarro si recava dal Console, estrasse la rivoltella e tirò contro il Cap.Gazzetti. Questi, ferito alla spina dorsale, morì tre giorni dopo presso di me all'ospedale, vittima del suo gesto di volere favorire il Console fascista". (Dalla Relazione del Console Vittorio Seganti del 10 genn. 1944)
° ° °

Il capitano Piero Gazzetti ufficiale addetto all' Ufficio Assistenza del Comando di Divisione venne assassinato dal Maresciallo di Marina "rivoltoso", Felice Branca che gli sparò urlandogli: "Anche voi appartenete alla schiera vigliacca dei traditori !", con evidente riferimento al Comando della Divisione impegnato nelle trattative con i tedeschi.
_____________________
° ° °

Alle tante rievocazioni menzognere dei fatti di Cefalonia, si è associato purtroppo anche il nostro Presidente il quale, nel discorso pronunciato il 1° marzo –me presente- a Cefalonia, ha reso la solita immagine artefatta e non rispondente alla realtà, delle convulse giornate che precedettero lo scontro con i tedeschi, attribuendo all’intera divisione Acqui l’intendimento di non cedere le armi che, al contrario, fu manifestato da una minoranza di ufficiali di artiglieria in sottordine e da costoro venne trasmesso ai loro sottoposti che non furono, dunque, la “Acqui”, nella sua interezza, ma soltanto i componenti delle tre batterie costituenti il 33° reggimento di artiglieria che, forti del loro armamento ed essendo dislocati nei dintorni di Argostoli, la fecero da padroni nei confronti degli altri appartenenti alla “Acqui” –in particolare i due reggimenti di fanteria comprendenti la gran massa dei soldati- che dipendevano dal Comando di Divisione e, addirittura, dello stesso Comando di Artiglieria.
Le inoppugnabili risultanze da me raggiunte anche sulla base degli atti relativi al processo tenutosi nel dopoguerra contro tali personaggi, hanno confermato – infatti- che essi non ebbero come complici, né i propri superiori, dal Comandante del 33° Reggimento, medaglia d’Oro, col. Mario Romagnoli, al Comandante di Gruppo delle tre batterie, medaglia d’Argento ten.col. Matteo Deodato nè, tranne poche eccezioni, gli altri ufficiali del loro reggimento, quali ad esempio i capitani Ermanno Bronzini, Italo Postal e Gennaro Tomasi che furono, anzi, insieme con don Romualdo Formato, tenente cappellano di detto reggimento, i loro critici più severi nel dopoguerra.
Alla luce di quanto sopra appaiono, pertanto, permeate di retorica fine a sé stessa le parole, invero toccanti ma, purtroppo non rispondenti alla realtà con cui il Presidente Ciampi, nell’evidente sforzo di conferire dignità alla tragedia di Cefalonia, l'ha rappresentata come un mito, frutto di una scelta "unanime, concorde, plebiscitaria: combattere, piuttosto di subire l’onta della cessione delle armi".
Queste parole confermano purtroppo la superficialità in cui anche il nostro Presidente è incorso nel trattare l’argomento, avendo omesso di citare l’ordine del Comando Supremo che costringendo Gandin ad obbedire lo mandò al macello insieme con i suoi uomini il cui parere quindi –tutt’altro che “unanime”- fu, tutt'al più, un superfluo corollario di decisioni già prese altrove e null’altro.
In proposito gli storici seri si mostrano contrari ad usare il termine "referendum" adoperato invece con sfrontata naturalezza da quella parte della storiografia interessata non alla verità ma alla mitizzazione dei fatti.
Ci sarebbe piaciuto, invero, che in tanto clamore rievocativo si fosse spesa una parola per ricordare un Martire, ignorato da tanti cialtroni che pontificano su Cefalonia, la cui morte, avvenuta per mano italiana, è la conferma che, nell’ambito della “Acqui”, lungi dall’aversi la tanto strombazzata unità di intenti –fiore all’occhiello delle tesi resistenziali- prosperò un vero e proprio “Soviet” di soldati, filiazione diretta della rivolta promossa ed alimentata da alcuni ufficiali indegni di tale nome.
Si tratta del capitano Piero Gazzetti nato a Stradella il 15.XI.1906, al quale toccò in sorte di venire assassinato da un sottufficiale di Marina, il Capo di 1^classe Felice Branca, nato a Torino il 20.X.1890, in circostanze sulle quali riferì il sopra citato don Romualdo Formato che, nel suo libro “L’Eccidio di Cefalonia” raccontò: “(…) Ovunque si sentivano spari, detonazioni di bombe a mano, frasi provocanti e minacciose. Nessun ufficiale poteva più permettersi di pronunziare parole esortanti alla serenità e alla disciplina, senza essere, sull’istante, tacciato di “traditore” o di “vigliacco”.
Questa, dunque, era l’atmosfera –non certo idilliaca- che si respirava ad Argostoli in preda alle prepotenze ed all’arbitrio di una minoranza di facinorosi appartenenti all’artiglieria, imbevuti di odio da alcuni loro ufficiali di modesto grado che, in combutta con i greci, fecero loro credere che il Comando di Divisione e, in primo luogo, il Generale Gandin , stesse tramando –di sua iniziativa e non per aver ricevuto ordini in tal senso- per cedere l’armamento pesante ai tedeschi.
Quanto sopra, riferito da un testimone oculare e degno di fede, oltretutto per la sua qualità di sacerdote, è la smentita più clamorosa del preteso clima “plebiscitario” inteso a fare olocausto di sé, che avrebbe pervaso la Divisione nel suo complesso. E’ a motivo di ciò, dunque, che le parole, certamente dette in buona fede, ma non rispecchianti la realtà, (“Decisero di non cedere le armi. Preferirono combattere e morire per la Patria”), pronunciate dal Presidente Ciampi a Cefalonia, suonano come esercizio di vuota retorica e null’altro.
Chiusa tale doverosa parentesi, proseguiamo nella lettura di quanto narrò don Formato: “Il povero capitano Piero Gazzetti –egli scrisse- addetto all’ufficio di propaganda del comando di divisione –poiché gli avvenimenti precipitavano e la situazione diventava sempre più critica- aveva ricevuto l’ordine dal generale di recarsi, con un autocarro, a mettere in salvo le suore missionarie italiane e trasportarle nei locali del 37° ospedale da campo. Poco oltre la piazza principale di Argostoli, l’autocarro fu –con brusco gesto- fermato da un maresciallo di marina, il quale intimò al capitano di destinare immediatamente quel mezzo al trasporto di un certo quantitativo di armi e di munizioni. Il capitano rispose che, per il momento, egli doveva ottemperare all’ordine del generale. Fu un attimo. Il maresciallo imprecò: ”Anche voi appartenete alla schiera vigliacca dei traditori!” e con mossa fulminea –estratta una pistola- sparò a bruciapelo contro il capitano che, dopo atroce agonia, spirò il giorno seguente, vittima del dovere e della pazzia criminale di un esaltato”. A tale incredibile risultato che, tra l’altro non fu l’unico, portò, dunque, la predicazione di odio sparsa a piene mani dai rivoltosi della divisione “Acqui” che, ad eccidio avvenuto anche e soprattutto per loro colpa, a guerra finita furono, e tuttora continuano ad esserlo, presentati come Eroi in un paese dedito all’esaltazione non dei propri Martiri ma di chi fu causa della loro morte.
Tanto andava detto, una buona volta, e a dirlo è proprio chi, come lo scrivente porta impresse nell’animo le stimmate per l’assassinio del proprio Padre del cui martirio i mentitori che fino ad oggi hanno disinformato il popolo italiano, si sono ora appropriati, insieme a quello degli altri poveri Morti, per avallare le loro elucubrazioni in merito alla diatriba, che non interessa nessuno, sulla morte o meno della Patria.
Di vero, in tutto questo, c’è soltanto una cosa: la morte di diecimila uomini usata –dopo quasi sessant’anni !- per fini politici e null’altro. Tacere la verità per far trionfare la menzogna è stata, infatti, la parola d’ordine di coloro che hanno imperversato per così tanto tempo, con le loro ricostruzioni in mala fede sui fatti di Cefalonia i quali, non paghi, hanno di recente imbastito – spargendo tardive lacrime di coccodrillo- una speculazione filosofico -resistenziale su una tragedia che ha distrutto migliaia di famiglie.
Emblematico è, in proposito, il silenzio sul tremendo evento relativo al Martire Piero Gazzetti, censurato perché controproducente per i loro fini, dai “notabili” dell’intellighenzia di sinistra –unica fonte di notizie autorizzata in materia- nonostante l’ampio risalto da me dato ad esso nel mio libro, “La vera storia dell’eccidio di Cefalonia”, che ha smascherato la montagna di frottole raccontata per mostrare i fatti di Cefalonia alla stregua di un' improbabile mito sconfinante spesso in un' incredibile leggenda.
Al Martire Gazzetti, pertanto, anziché il silenzio vigliaccamente riservatogli dalle Autorità politiche e militari, che dettero alla Sua morte il rilievo che, normalmente, si dà a quella di un cane, andava dedicato un monumento o un' apposita menzione d’onore per l’assurdo ed incredibile martirio che dovette subire ma nulla di ciò è avvenuto. e ciò la dice lunga sull’obiettività e sulla veridicità delle ricostruzioni dei fatti di Cefalonia, compiute dalla sinistra storico-culturale che l'ha fatta da padrona in passato e tenta pervicacemente di continuare a farlo anche in futuro.
P.S. Il cap. Gazzetti venne colpito il 12 settembre e morì dopo due giorni di atroce agonìa nel 37° ospedale di Argostoli.
Nei confronti dell’autore dell’omicidio non venne preso alcun provvedimento. Il maresciallo Branca risultò successivamente disperso in combattimento e ciò facilitò il compito di insabbiare l’episodio alle Autorità dell’epoca.

Massimo Filippini
marzo 2001

_________________________________
Nell'atto si legge: Ferimento doloso
DAL REFERTO DI INGRESSO ALL'OSPEDALE:
"...mentre trovavasi su un autocarro veniva ferito da un militare (ferimento doloso)..."
F. to Giampiero Viganotti - (Capitano medico)
Don Luigi Ghilardini - (Cappellano del 37° Ospedale)
___________

(Lo "sparatore" fu il Capo di 1^ Cl. Felice BRANCA di Torino.
Serve altro signori imbroglioni ?).
IL PROFESSOR PALUMBO NON SA ANCORA CHI HA UCCISO IL CAPITANO GAZZETTI
° ° °

Nel libro "Ritorno a Cefalonia e Corfù" l'autore Carlo Palumbo in sede di presentazione, dopo aver elencato le opere "canoniche" scrive: "Va citato, per ultimo, un'opera in controtendenza rispetto alle interpretazioni prevalenti, Massimo Filippini, LA VERA STORIA DELL'ECCIDIO DI CEFALONIA, scritto dal figlio del maggiore Federico Filippini, fucilato a Capo S. Teodoro, che considera ben più gravi le responsabilità italiane su quelle tedesche, che "costituiscono solo l'ultimo anello della catena"; si può non condividerne l'analisi, ma è giusto considerare, in una vicenda così complessa, anche le posizioni di chi non è d'accordo".
Nel ringraziare l'Autore della considerazione espressa, sia pur in tono caritatevole, nei miei confronti, riporto quanto egli -che non condivide le mie analisi- ha scritto sull'episodio di Gazzetti alle pagine 89 e 90: "Nella tensione generale, un gruppo di marinai blocca l'auto del capitano Gazzetti, dell' ufficio assistenza. PARTE UN COLPO CHE FERISCE A MORTE IL CAPITANO".
Se il modo di riferire un fatto di tale gravità previsto e punito con la massima pena dall' art. 186 del codice penale militare allora vigente, come "Reato di Insubordinazione con violenza" ("Il militare che usa violenza contro un superiore è punito con la morte con degradazione se la violenza consiste nell'omicidio, ancorchè tentato o preterintenzionale"), è quello usato con toni sibillini che lasciano il lettore nel dubbio, dal prof. Palumbo, ebbene, io sono lieto di essere "in controtendenza" con lui e se vedrà queste note lo invito a leggere nel Verbale di morte di Gazzetti, la dicitura "FERIMENTO DOLOSO" che è la prova evidente che fin da allora (c'è anche la firma di don Ghilardini, l'amico di Apollonio...) si sapeva come erano andati i fatti.
Ma, dico io, almeno il libro di Padre Formato che Palumbo annovera (erroneamente) tra le opere "canoniche" poteva leggerlo: avrebbe evitato una brutta figura.

_____________________
 
 
 
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | Un eccidio senza prove | LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini | Il numero dei Caduti a Cefalonia | OCCASIONI LIBRARIE | UNA SINISTRA ICONA: il compagno-capitano e Fiorino d'Oro Pampaloni | Il processo per i fatti di Cefalonia | Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza | La vedova del capitano Bronzini ci scrive | I PIFFERAI DI CEFALONIA | PAOLETTI VERGOGNATI | LA BALLATA DELLA ACQUI | CEFALONIA: LA SAGRA DELLE BUGIE | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | PADRE ROMUALDO FORMATO... | ODE SU CEFALONIA con aggiornamento | RECENSIONI | Film RAI CEFALONIA: MA CHE BELLA FICTION ! | L I N K | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI | IO E I PRESIDENTI | RINGRAZIAMENTI: si fa per dire... | ASSOCIAZIONE Acqui: la faziosità è di casa | Il Capitano Gazzetti un Martire dimenticato | TRADITORI A CEFALONIA | IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE | NON CI FU REFERENDUM | Le mani della Sinistra su Cefalonia | Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA NEL 1998 ? | COMPAGNI DI MERENDE | IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI... | IL BUSINESS CEFALONIA | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | Lettera aperta a W. Veltroni | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | I MISERABILI DI CEFALONIA | NOTIZIE ANRP | NOTIZIE ANRP - 2 | Gandin fu un Traditore: f.to Insolvibile | LA VOCE DEI LETTORI | NOTIZIE ASS.NE ACQUI | CHI E' SENZA PECCATO... | Si scrive ANRP si legge ANPI | CEFALONIA IN BUONE MANI | L'Istruttoria in Germania e la mia Costituzione di Parte Civile | RASSEGNA STAMPA | ATTILIO TAMARO SU CEFALONIA | Il fratello del gen. GANDIN ci scrive... | Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale ci scrive... | 24. X. 2003 - Convegno di Firenze dell'ANCFARGL | Intervento di M. Filippini al Convegno di Firenze | Il mandolino ...di Paoletti | Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato | FANGO SUL GENERALE GANDIN | LE GESTA DI APOLLONIO | Indro Montanelli su Cefalonia | Mario Cervi su Cefalonia | Sergio Romano su Cefalonia | L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Il Reduce Alfredo Reppucci racconta... | Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta... | Il Reduce Guido Veronesi racconta... | Il Reduce O. Giovanni Perosa racconta... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | Il Reduce Saverio Perrone ci scrive... | Il 'fattaccio' compiuto | I DIMENTICATI DI CEFALONIA | LA RELAZIONE DEL CONSOLE VITTORIO SEGANTI | LINK AL PRECEDENTE SITO | Archivio Rassegna Stampa | APOLLONIO UN MITO PER POCHI INTIMI