HOME
HOME PAGE
Via Federico Filippini - Roma
CEFALONIA NON CI RESTA CHE PIANGERE
NOTIZIARIO DI CEFALONIA.IT
IL PROCESSO MUHLHAUSER
OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE
MI SONO ROTTO...
PAOLETTI (RI)VERGOGNATI
CEFALONIA ricordata a Bagnaia (VT)
CEFALONIA - I Caduti tedeschi
Il cap. Pietro Gazzetti un Martire dimenticato
Il numero dei Caduti a Cefalonia
Al Ministro La Russa: Ode su Cefalonia
RASSEGNA STAMPA
L I N K S
LA MIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE A DORTMUND
Le Archiviazioni inviatemi dalle Procure di Dortmund e di Monaco
Il BUSINESS CEFALONIA
BADOGLIO ED AMBROSIO: I VERI RESPONSABILI DI CEFALONIA
Padre Romualdo Formato - Un nipote ci scrive
IL PADRE DI TUTTI I FALSI SU CEFALONIA: il Comunicato del 13.9.1945
Associazione Acqui che pena
I 'PIFFERAI' DI CEFALONIA
TRADITORI A CEFALONIA
Notizie dall'Ass. ACQUI
CONVEGNI SU CEFALONIA
CEFALONIA - Quale verità ?
Ringraziamenti....si fa per dire
GLI ERRORI di ROCHAT su Cefalonia
Il Reduce Alfredo Reppucci racconta...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
CEFALONIA: LA MENZOGNA CONTINUA
Il Reduce Ermanno Bronzini racconta...
Notizie ANRP - 2
Il fratello del gen. Gandin ci scrive...
Le gesta di Apollonio ovvero...
LA VOCE DEI LETTORI
Intervento di Filippini al Convegno di Firenze
I dimenticati di Cefalonia
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Il Reduce cap. Hengeller racconta...
NON CI FU REFERENDUM
Il Reduce S. Perrone ci scrive...
E LE FFAA STANNO A GUARDARE
Il presidente emerito Ettore Gallo ci scrive
L'armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Dove stavano gli studiosi di Cefalonia nel 1998 ?
La Vedova del cap. Bronzini ci scrive...
I 'Pifferai' di Cefalonia
LA SAGRA DELLE BUGIE
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Padre Formato - Un nipote ci scrive...
Sergio Romano: CEFALONIA - Una pagina nera
RECENSIONI
FILM RAI SU CEFALONIA
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
IO E I PRESIDENTI
Cefalonia: la sagra delle bugie
TRADITORI A CEFALONIA
Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ?
COMPAGNI DI MERENDE
IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI...
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
Lettera aperta a W. Veltroni
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
I maneggioni di CEFALONIA
RECENSIONI
E LE FFAA STANNO A GUARDARE...
LA VOCE DEI LETTORI
APOLLONIO: UN MITO PER POCHI INTIMI
Il Corsera: Gandin fu un traditore
Lettera aperta a W. Veltroni
PREMIO ACQUI STORIA O ACQUI FAVOLE ?
Film Rai 'Cefalonia' - Che bella fiction !
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza
Cefalonia: un eccidio senza prove
LA TESI DELLA VERGOGNA
IL REDUCE DEL 33° REGGIMENTO ARTIGLIERIA
SERG. MAGG. LUIGI BALDESSARI RACCONTA...
(Il referendum "fu fatto a voce e fu più un imbroglio che una verità")
** *
Il breve messaggio riportato sopra mi fu inviato dal cav. Luigi Baldessari, all'epoca dei fatti serg. magg. del 33° rgt. art. ed amico del serg. magg. Ferdinando Insolvibile, il nonno "Nando" della "giovane ricercatrice" napoletana Isabella Insolvibile la quale nel suo libro 'la Resistenza di Cefalonia tra memoria e storia' scrisse a pag. 18 di concordare pienamente con la ricostruzione della vicenda di Cefalonia
-incentrata sul presunto tradimento del gen. Gandin-
compiuta da Paolo Paoletti in questi termini:
" I traditi di Cefalonia di Paolo Paoletti contiene la più precisa ricostruzione (con la quale si concorda e alla quale si rimanda) degli eventi accaduti nell'isola nel biennio 1943-1944."
Secondo costei ed il suo mentore Paoletti, infatti, il gen. Gandin avrebbe definito come ribelli i suoi soldati provocando l'ira dei tedeschi che li massacrarono TUTTI.
Il bel gioco è andato avanti fino a quando il sottoscritto non scoprì i dati dei Caduti che rivelarono l'inesistenza dell'eccidio oltre che dei poveri Ufficiali
ANCHE della truppa
trovando altresì conferma da tutti gli studiosi degni di stima e da ultimo perfino dalla CTU del dr. Carlo Gentile allegata all'istruttoria del processo intentato dalla Procura Militare di Roma contro l'allora s. ten. Muhlhauser poi deceduto.
Per inciso tra i MEZZI DI PROVA allegati a detta Istruttoria è inserito anche il mio libro
I CADUTI DI CEFALONIA: FINE DI UN MITO
a riprova della validità delle ricerche DOCUMENTALI da me riportate in esso.
Non sarà male aggiungere che a suo tempo il defunto Presidente dell'Associazione Acqui avv. Antonio Sanseverino scrisse un 'elogiastica' post - fazione al libro della predetta in cui, ripetiamo,
si concorda esplicitamente con gli insulti
"ad personam"
rivolti dall'insegnante di tedesco Paoletti al gen Gandin.
A questo punto le parole scritte da Baldessari dovrebbero far riflettere,
(cosa pressochè impossibile)
anche l'Ass. Acqui, la quale anzichè dare il fatto suo a Paoletti, si limitò a scrivere nel suo Sito
www.associazioneacqui.it
(che invitiamo a visitare a conferma di quanto scriviamo)
la frase colma di rispettosa considerazione che segue:
"Noi stimiamo Paoletti e gli siamo anche grati per essersi a lungo dedicato alle tragiche vicende della “nostra” Divisione Acqui.
Proprio per questo ci sentiamo in diritto e in dovere di dirgli che l’animosità e la mancanza di pacatezza che egli dimostra nei confronti di Gandin nuocciono forse alla fama del generale ed al mito della Acqui, ma rischiano soprattutto di offuscare la sua reputazione di storico".
In altri termini a chi
-come il sottoscritto-
ha difeso e difende la memoria del gen. Gandin, fu ed è riservato un atteggiamento ostile da parte di detta Associazione
culminato nella sua messa al bando malgrado fosse iscritto ad essa (!!)
e a chi ha detto e continua a sostenere
-contro tutte le risultanze storiche-
che il gen. Medaglia d'Oro Antonio Gandin fu un traditore, si fece una reprimenda che sa di scappellotto al primo della classe.
Speriamo che questa sagra delle menzogne abbia fine e che associazioni e personaggi come quelli su accennati siano messi al bando soprattutto dalle FFAA
depositarie del buon nome della 'Acqui' e del suo Comandante-
anzichè essere perfino invitati a concionare sui fatti in questione.
Le anime dei Morti si rivolteranno ancora nell'al di là.
Massimo Filippini

7 febbraio 2010
______________________
Luigi Baldessari all'epoca
Luigi Baldessari oggi
Sul mensile “STORIA ILLUSTRATA” del settembre 1984 il giornalista Santi Corvaja, in un servizio intitolato “Gli Eroi di Cefalonia”, ricostruendo le convulse giornate che precedettero l’inizio delle ostilità contro i tedeschi, a proposito del 12 settembre, scrisse: (…)”La tensione aumentava a vista d’occhio per le strade, nei locali pubblici, negli uffici e negli accampamenti, specie dopo che dalla vicina isola di Santa Maura era fortunosamente giunto il sergente maggiore Luigi Baldessari, latore di drammatiche notizie.
Il sottufficiale, infatti, aveva riferito che i tedeschi, ottenuta dal locale presidio la consegna delle artiglierie, avevano preteso poche ore dopo anche quella delle armi individuali.
Di fronte al rifiuto degli italiani, si erano avventati su ufficiali e soldati, fucilando il comandante colonnello Mario Ottalevi e facendo prigionieri gli altri.
BALDESSARI AVEVA ACCESO LA MICCIA PER FAR ESPLODERE CEFALONIA”.
In merito a quanto sopra il cav. LUIGI BALDESSARI già sergente maggiore del 33° Artiglieria e Superstite felicemente vivente, che mi onora della sua stima per il libro da me scritto –da lui definito come l’unico “veritiero” sui fatti di Cefalonia- mi inviò la lettera che segue:

“Roncegno 8 – 5 - 2000
Egregio Avvocato, se un giorno ci troveremo Le sarò preciso in quei drammatici momenti dopo l’8 settembre 1943.Un breve cenno lo metto ora.
Dalle ore 20 dell’8 settembre fino alle ore 16.30 dell’11 settembre, l’isola di Cefalonia non riuscì a mettersi in contatto con nessuno, né col nostro comando supremo né con comandi subalterni di Corfù’, Tirana e Atene.
L’unica voce fuori isola fu la mia dalla località di Fiscardo, essendo io rientrato con un mezzo di fortuna con l’aiuto di un maresciallo di marina greco, da S.Maura a Cefalonia assieme a un mio fido artigliere; da Fiscardo telefonai al mio comando ad Argostoli che suscitò la sorpresa generale.
Erano ore di grande ansia e confusione, tutti i telefoni dell’isola erano sul “chi va là” in attesa di qualche novità; la mia telefonata fu intercettata da molti telefoni, in quanto per attaccarsi a linee telefoniche da campo è facilissimo; la notizia si propagò con la rapidità dell’incendio, in poche ore fu a conoscenza a tutta la truppa, il Generale in quel momento era a colloquio con i tedeschi e seppe il tutto dopo la truppa che era già a conoscenza.
ERANO ORE DI ESTREMA TENSIONE E I GIOVANI UFFICIALI LA SFRUTTARONO PER AIZZARE LA TRUPPA A RIBELLARSI AL GENERALE E AI COLONNELLI COMANDANTI DI REGGIMENTO.
Il cronista dell’articolo Santi Corvaja dice:”Baldessari aveva acceso la miccia per far esplodere Cefalonia “, e questo purtroppo fu vero, ma non erano queste le mie intenzioni tanto che IO NON PARTECIPAI AL REFERENDUM (CHE AVVENNE SI, MA NON FU UN REFERENDUM CON SCHEDA, NON C'ERA NEPPURE IL TEMPO, FU FATTO A VOCE E FU PIU' UN IMBROGLIO CHE UNA VERITA'): nella mia relazione fatta al Colonnello Romagnoli lo informai con esattezza che se a S.Maura i tedeschi avevano tenuto un tale contegno furono però provocati.
Ad ogni buon fine I SOLDATI di S.Maura sono stati PORTATI in Germania MA SONO AL 99% RIENTRATI A GUERRA FINITA.
Non mi dilungo ne parleremo un giorno.
Ho scritto queste righe per chiarire quel (“Baldessari aveva acceso la miccia per far esplodere Cefalonia”), fatto avvenuto sì, ma c’è da discutere.Attendo una sua risposta.
Con i più distinti saluti
Cav.Luigi Baldessari “.

Questa l'eloquente lettera di Baldessari, testimone di verità “scomode”, da lui vissute in veste di protagonista che, forse, proprio per questo, è stato trascurato dagli “storiografi” di Cefalonia abituati a citare come “testimoni “ sempre gli stessi personaggi (Pampaloni docet) che, da decenni, ripetono monotone tesi di comodo a sostegno della invereconda "vulgata" ufficiale.
Ma non è detta ancora l'ultima parola e, a conferma di ciò, lo scenario di Cefalonia si va sempre più popolando di testimoni veritieri che finalmente possono far sentire la loro voce, anche attraverso il presente sito.
L'ex serg. magg. Luigi Baldessari è uno di questi.

Massimo Filippini
Pag. 1 lettera
 
 
 
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | HOME PAGE | Via Federico Filippini - Roma | CEFALONIA NON CI RESTA CHE PIANGERE | NOTIZIARIO DI CEFALONIA.IT | IL PROCESSO MUHLHAUSER | OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE | MI SONO ROTTO... | PAOLETTI (RI)VERGOGNATI | CEFALONIA ricordata a Bagnaia (VT) | CEFALONIA - I Caduti tedeschi | Il cap. Pietro Gazzetti un Martire dimenticato | Il numero dei Caduti a Cefalonia | Al Ministro La Russa: Ode su Cefalonia | RASSEGNA STAMPA | L I N K S | LA MIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE A DORTMUND | Le Archiviazioni inviatemi dalle Procure di Dortmund e di Monaco | Il BUSINESS CEFALONIA | BADOGLIO ED AMBROSIO: I VERI RESPONSABILI DI CEFALONIA | Padre Romualdo Formato - Un nipote ci scrive | IL PADRE DI TUTTI I FALSI SU CEFALONIA: il Comunicato del 13.9.1945 | Associazione Acqui che pena | I 'PIFFERAI' DI CEFALONIA | TRADITORI A CEFALONIA | Notizie dall'Ass. ACQUI | CONVEGNI SU CEFALONIA | CEFALONIA - Quale verità ? | Ringraziamenti....si fa per dire | GLI ERRORI di ROCHAT su Cefalonia | Il Reduce Alfredo Reppucci racconta... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | CEFALONIA: LA MENZOGNA CONTINUA | Il Reduce Ermanno Bronzini racconta... | Notizie ANRP - 2 | Il fratello del gen. Gandin ci scrive... | Le gesta di Apollonio ovvero... | LA VOCE DEI LETTORI | Intervento di Filippini al Convegno di Firenze | I dimenticati di Cefalonia | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Il Reduce cap. Hengeller racconta... | NON CI FU REFERENDUM | Il Reduce S. Perrone ci scrive... | E LE FFAA STANNO A GUARDARE | Il presidente emerito Ettore Gallo ci scrive | L'armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Dove stavano gli studiosi di Cefalonia nel 1998 ? | La Vedova del cap. Bronzini ci scrive... | I 'Pifferai' di Cefalonia | LA SAGRA DELLE BUGIE | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Padre Formato - Un nipote ci scrive... | Sergio Romano: CEFALONIA - Una pagina nera | RECENSIONI | FILM RAI SU CEFALONIA | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | IO E I PRESIDENTI | Cefalonia: la sagra delle bugie | TRADITORI A CEFALONIA | Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ? | COMPAGNI DI MERENDE | IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI... | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | Lettera aperta a W. Veltroni | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | I maneggioni di CEFALONIA | RECENSIONI | E LE FFAA STANNO A GUARDARE... | LA VOCE DEI LETTORI | APOLLONIO: UN MITO PER POCHI INTIMI | Il Corsera: Gandin fu un traditore | Lettera aperta a W. Veltroni | PREMIO ACQUI STORIA O ACQUI FAVOLE ? | Film Rai 'Cefalonia' - Che bella fiction ! | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza | Cefalonia: un eccidio senza prove | LA TESI DELLA VERGOGNA