HOME
Un eccidio senza prove
Cefalonia - Il convegno di Toritto
LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini
Il numero dei Caduti a Cefalonia
Ass. Acqui - La faziosità è di casa
Il processo per i fatti di Cefalonia - Le denunzie di Triolo
OCCASIONI LIBRARIE
Una sinistra icona: il compagno - capitano e Fiorino d' oro Pampaloni
APOLLONIO: un Mito per pochi intimi
Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza
La vedova del capitano Bronzini ci scrive
I PIFFERAI DI CEFALONIA
PAOLETTI VERGOGNATI
LA BALLATA DELLA ACQUI
CEFALONIA: LA SAGRA DELLE BUGIE
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
PADRE ROMUALDO FORMATO...
ODE SU CEFALONIA con aggiornamenti
RECENSIONI
Film RAI CEFALONIA: MA CHE BELLA FICTION !
L I N K
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI
IO E I PRESIDENTI
RINGRAZIAMENTI: si fa per dire...
Il capitano Gazzetti un Martire dimenticato
TRADITORI A CEFALONIA
IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE
NON CI FU REFERENDUM
Le mani della Sinistra su Cefalonia
Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ?
COMPAGNI DI MERENDE
IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI...
IL BUSINESS CEFALONIA
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
Lettera aperta a W. Veltroni
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
I MISERABILI DI CEFALONIA
NOTIZIE ANRP
NOTIZIE ANRP - 2
Gandin fu un traditore: f. to Insolvibile
LA VOCE DEI LETTORI
NOTIZIE ASS. NE ACQUI
CHI E' SENZA PECCATO...
Si scrive ANRP si legge ANPI
CEFALONIA IN BUONE MANI
L'Istruttoria in Germania e la mia Costituzione di Parte Civile
RASSEGNA STAMPA
ATTILIO TAMARO SU CEFALONIA
Il fratello del gen. GANDIN ci scrive...
Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale ci scrive...
24. X. 2003 - Convegno di Firenze dell' ANCFARGL
Intervento di M. Filippini al Convegno di Firenze
Il mandolino...di Paoletti
Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato
FANGO SUL GENERALE GANDIN
LE GESTA DI APOLLONIO
Indro Montanelli su Cefalonia...
Mario Cervi su Cefalonia
Sergio Romano su Cefalonia
L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Il Reduce Alfredo Reppucci racconta...
Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta...
Il Reduce Guido Veronesi racconta...
Il Reduce O. Giovanni Perosa racconta...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
Il Reduce Saverio Perrone ci scrive...
Il fattaccio compiuto
I DIMENTICATI DI CEFALONIA
LA RELAZIONE DEL CONSOLE VITTORIO SEGANTI
LINK AL PRECEDENTE SITO
Archivio Rassegna Stampa
Nel 2007 a PARMA si studia Cefalonia
IL REDUCE O. GIOVANNI PEROSA RACCONTA...
Vedi presentazione in Home Page
Nella foto M. Filippini e Giovanni O. Perosa durante il Convegno di Bassiano (LT) del 4 maggio 2002 per la presentazione de "La vera storia dell'eccidio di Cefalonia"
° ° °
QUEL TRAGICO SETTEMBRE A CEFALONIA

È uno degli ultimi scampati all'eccidio di Cefalonia: ha 81 anni, una memoria solida e grande lucidità.
Olinto Perosa, nato a Valvasone il 28 maggio 1922, risiede oggi a Roma, ma il suo cuore rimane legato al centro natale. Durante la guerra militò nel 317° Reggimento Fanteria da Montagna della Divisione "Acqui", che cadde sotto l'attacco militare tedesco, dopo la firma dell'armistizio da parte dell'Italia l'8 settembre 1943. Ben 2553 dei 9000 presenti sull'isola, furono i soldati italiani morti, ma Olinto Perosa riuscì fortunatamente a salvarsi e oggi ricorda con nostalgia e sofferenza quei momenti.
«Non sapevamo nulla - racconta Perosa -, eravamo stati abbandonati alla nostra sorte, e non c'erano ordini su come comportarci. Sulle prime, i rapporti con i tedeschi erano cordiali, ma quando ci chiesero di consegnare le armi sulla pubblica piazza, come umiliazione, nessuno volle cedere.

La tragedia scoppiò il 13 settembre, dopo l'affondamento di due zatteroni tedeschi, senza che fosse stato dato l'ordine: i tedeschi giurarono vendetta».

Perosa era stato arruolato come osservatore-segnalatore e, mancando l'elettricità, erano necessarie staffette a vista per comunicare gli ordini. La Divisione rimase nell'incertezza, sino al massiccio attacco della notte tra il 18 e il 19 settembre, quando i tedeschi attaccarono con mezzi pesanti e aerei. «Fu un attacco terribile - continua Perosa -, che distrusse in pochissimo tempo una compagnia di 200 uomini. Io ero stato assegnato al Comando, spostato a 20 chilometri più a Sud. Sulle nostre teste gli Stukas solcavano il cielo ogni quarto d'ora, il tempo necessario per il rifornimento di bombe. Era in quel lasso di tempo che ci muovevamo, nel tentativo di scampare all'attacco nel quale è morta la gran parte dei miei amici e commilitoni».

Dopo l'attacco e la distruzione della Divisione, ai superstiti toccò il campo di lavoro: Perosa, per un altro anno, rimarrà a Cefalonia impiegato come operaio di fatica per la costruzione di un bunker all'interno di una montagna, che sarà deposito di 20 cannoni. Molti commilitoni moriranno in mare, durante la deportazione. Olinto Perosa tornerà a Valvasone il 24 aprile del 1945, la vigilia della liberazione e appena in tempo per salvare un cugino dalla morte.
Fabio Muccin
martedì 9 settembre 2003
(Il Gazzettino online)
-------------------------------

-BREVE COMMENTO-
Finalmente Olinto Giovanni Perosa ha potuto dire la verità libero da condizionamenti e timori reverenziali nei confronti dei ribelli di Cefalonia:
GRAZIE GIOVANNI SOPRATTUTTO A NOME DI TANTI MARTIRI INVIATI AL MACELLO DALLE AZIONI DI ALCUNI PERSONAGGI CHE HANNO FATTO CARRIERA O SONO STATI DECORATI GRAZIE ALLE MONTAGNE DI MORTI DA LORO PROVOCATI.

Massimo Filippini
______________________
Convegno a Bassiano (LT) del 4.5.2002 per la di presentazione del libro "LA VERA STORIA DELL'ECCIDIO DI CEFALONIA"
Da sin. l'Autore avv. Massimo Filippini, il Sindaco Domenico Guidi, il Sen. AN Riccardo Pedrizzi, il Reduce O. Giovanni Perosa, il Cons. Comunale AN di Bassiano rag. Giuseppe Mazzocchi.
Nelle foto sotto: 1- O. G. Perosa tra il sen. Pedrizzi e il cons. com. le Mazzocchi.
2 - Il Reduce Alfredo Reppucci, anch'egli presente, insieme con Perosa.
I Reduci A. Reppucci e G. Perosa insieme a Bassiano
Nella foto sopra:
O. G. Perosa tra il Reduce Alfredo Reppucci (a sin.) e il Cons. Com. (A. N.) G. Mazzocchi
Dal Sito www.didaweb.net
INTERVISTA AD OLINTO GIOVANNI PEROSA
La 'saggezza' di un Reduce apre la strada alla Verità

("Come e stata presa la decisione di reagire?
In questi casi prevalgono sempre i più insofferenti alla disciplina (che in questi casi è
indispensabile) e cosi alcuni reparti ( specie l’artiglieria) si misero in agitazione e chiesero una 'specie di referendum' tra i soldati, che si concluse con la decisione di resistenza alla richiesta!).

Di che razza di "referendum" si sia trattato lo sanno ormai quasi tutti meno il Presidente della Repubblica... (ndA)
www.tin.it
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | Un eccidio senza prove | Cefalonia - Il convegno di Toritto | LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini | Il numero dei Caduti a Cefalonia | Ass. Acqui - La faziosità è di casa | Il processo per i fatti di Cefalonia - Le denunzie di Triolo | OCCASIONI LIBRARIE | Una sinistra icona: il compagno - capitano e Fiorino d' oro Pampaloni | APOLLONIO: un Mito per pochi intimi | Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza | La vedova del capitano Bronzini ci scrive | I PIFFERAI DI CEFALONIA | PAOLETTI VERGOGNATI | LA BALLATA DELLA ACQUI | CEFALONIA: LA SAGRA DELLE BUGIE | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | PADRE ROMUALDO FORMATO... | ODE SU CEFALONIA con aggiornamenti | RECENSIONI | Film RAI CEFALONIA: MA CHE BELLA FICTION ! | L I N K | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI | IO E I PRESIDENTI | RINGRAZIAMENTI: si fa per dire... | Il capitano Gazzetti un Martire dimenticato | TRADITORI A CEFALONIA | IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE | NON CI FU REFERENDUM | Le mani della Sinistra su Cefalonia | Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ? | COMPAGNI DI MERENDE | IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI... | IL BUSINESS CEFALONIA | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | Lettera aperta a W. Veltroni | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | I MISERABILI DI CEFALONIA | NOTIZIE ANRP | NOTIZIE ANRP - 2 | Gandin fu un traditore: f. to Insolvibile | LA VOCE DEI LETTORI | NOTIZIE ASS. NE ACQUI | CHI E' SENZA PECCATO... | Si scrive ANRP si legge ANPI | CEFALONIA IN BUONE MANI | L'Istruttoria in Germania e la mia Costituzione di Parte Civile | RASSEGNA STAMPA | ATTILIO TAMARO SU CEFALONIA | Il fratello del gen. GANDIN ci scrive... | Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale ci scrive... | 24. X. 2003 - Convegno di Firenze dell' ANCFARGL | Intervento di M. Filippini al Convegno di Firenze | Il mandolino...di Paoletti | Il mandolino del capitano Corelli e un mandolinista mancato | FANGO SUL GENERALE GANDIN | LE GESTA DI APOLLONIO | Indro Montanelli su Cefalonia... | Mario Cervi su Cefalonia | Sergio Romano su Cefalonia | L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Il Reduce Alfredo Reppucci racconta... | Il Reduce cap. Aldo Hengeller racconta... | Il Reduce Guido Veronesi racconta... | Il Reduce O. Giovanni Perosa racconta... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | Il Reduce Saverio Perrone ci scrive... | Il fattaccio compiuto | I DIMENTICATI DI CEFALONIA | LA RELAZIONE DEL CONSOLE VITTORIO SEGANTI | LINK AL PRECEDENTE SITO | Archivio Rassegna Stampa | Nel 2007 a PARMA si studia Cefalonia