HOME
HOME PAGE
Via Federico Filippini - Roma
NOTIZIARIO DI CEFALONIA.IT
IL PROCESSO MUHLHAUSER
OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE
MI SONO ROTTO...
PAOLETTI (RI)VERGOGNATI
CEFALONIA ricordata a Bagnaia (VT)
CEFALONIA - I Caduti tedeschi
Il numero dei Caduti a Cefalonia
Al Ministro La Russa: Ode su Cefalonia
RASSEGNA STAMPA
L I N K S
LA MIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE A DORTMUND
Le Archiviazioni inviatemi dalle Procure di Dortmund e di Monaco
Il BUSINESS CEFALONIA
BADOGLIO ED AMBROSIO: I VERI RESPONSABILI DI CEFALONIA
Padre Romualdo Formato - Un nipote ci scrive
IL PADRE DI TUTTI I FALSI SU CEFALONIA: il Comunicato del 13.9.1945
Associazione Acqui che pena
I 'PIFFERAI' DI CEFALONIA
TRADITORI A CEFALONIA
Notizie dall'Ass. ACQUI
CONVEGNI SU CEFALONIA
CEFALONIA - Quale verità ?
Ringraziamenti....si fa per dire
GLI ERRORI di ROCHAT su Cefalonia
Il Reduce Alfredo Reppucci racconta...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
CEFALONIA: LA MENZOGNA CONTINUA
Il Reduce Ermanno Bronzini racconta...
Notizie ANRP - 2
Il fratello del gen. Gandin ci scrive...
Le gesta di Apollonio ovvero...
LA VOCE DEI LETTORI
Intervento di Filippini al Convegno di Firenze
I dimenticati di Cefalonia
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Il Reduce cap. Hengeller racconta...
NON CI FU REFERENDUM
Il Reduce S. Perrone ci scrive...
Il cap. Piero Gazzetti un Martire dimenticato
E LE FFAA STANNO A GUARDARE
Il presidente emerito Ettore Gallo ci scrive
L'armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Dove stavano gli studiosi di Cefalonia nel 1998 ?
La Vedova del cap. Bronzini ci scrive...
I 'Pifferai' di Cefalonia
LA SAGRA DELLE BUGIE
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Padre Formato - Un nipote ci scrive...
Sergio Romano: CEFALONIA - Una pagina nera
RECENSIONI
FILM RAI SU CEFALONIA
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
IO E I PRESIDENTI
Cefalonia: la sagra delle bugie
TRADITORI A CEFALONIA
Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ?
COMPAGNI DI MERENDE
IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI...
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
Lettera aperta a W. Veltroni
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
I maneggioni di CEFALONIA
RECENSIONI
E LE FFAA STANNO A GUARDARE...
LA VOCE DEI LETTORI
APOLLONIO: UN MITO PER POCHI INTIMI
Il Corsera: Gandin fu un traditore
Lettera aperta a W. Veltroni
PREMIO ACQUI STORIA O ACQUI FAVOLE ?
Film Rai 'Cefalonia' - Che bella fiction !
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza
Cefalonia: un eccidio senza prove
LA TESI DELLA VERGOGNA
IL REDUCE ROMILDO MAZZANTI RACCONTA...
Vedi presentazione in Home Page
Il Reduce Mazzanti sul REFERENDUM:
Le posso assicurare che a me come ad altri della mia Compagnia non fu chiesto assolutamente nulla…

(La Rai invece ne fa l'episodio base di una FICTION che sta girando !!!)
° ° °

Dopo quella di Alfredo Reppucci riportiamo un'altra testimonianza - quella dell'ex fante del 317^ Rgt. Ftr. Romildo Mazzanti- che fa luce sui fatti ed in particolare sull'incredibile pagliacciata del presunto “Referendum” inteso non come un'informale consultazione di alcuni reparti ma, addirittura, come si è avuto il coraggio di affermare, anche in "alto loco", come
UN ATTO UNICO NELLA STORIA DI TUTTI GLI ESERCITI
da parte di un Comandante" (!).
(A rendere la cosa ancor più avvilente è l'assoluto silenzio su tale fandonia tenuto dalle FFAA da cui non si è mai levata una voce critica sia pur sotto forma di timido dissenso.)

Ne riportiamo integralmente il testo inviatoci, con la lettera che segue, dal figlio Massimo:

Caro Filippini,
le invio in attachment il file con le note scritte da mio padre.
Mi devo scusare per il ritardo, mio padre le aveva gia' terminate un paio di settimane fa, ma io sono rientrato solo da pochi giorni e posso spedirle solo ora.
Spero che quanto scritto da mio padre possa esserle utile anche se, come potra' leggere nel documento, non poteva materialmente essere a conoscenza di molte delle cose a cui Lei fa riferimento nel formulario, in quanto (e di questo mi scuso per non essere stato sufficientemente chiaro nei primi messaggi) mio padre non faceva parte della Compagnia Comando di
Divisione ma della Compagnia Comando del 317^ reggimento fanteria.
La ringrazio e la saluto cordialmente.

Massimo Mazzanti

------------------------------------------------------------
° ° °

Caro signor Filippini,
innanzitutto La ringrazio per le iniziative da Lei svolte in onore dei caduti di Cefalonia ed in particolare per l’impegno profuso nel tentativo di riportare alla luce la verità sui quei tragici fatti, da troppi dimenticati o, peggio, travisati. La ringrazio inoltre per la videocassetta che mi ha inviato e della quale ho potuto apprezzare con piacere il contenuto.
In merito al formulario che mi ha fatto pervenire tramite mio figlio, ho potuto rispondere direttamente solo a poche domande, in quanto io non facevo parte del Comando di Divisione (come forse aveva lasciato intendere il messaggio che mio figlio le aveva mandato), ma della Compagnia Comando del 317^ reggimento fanteria.
In ogni caso ritengo che la mia testimonianza possa dare un contributo, seppur piccolo, alla ricerca della verità sui fatti accaduti nel settembre 1943 a Cefalonia.
Avevo da poco compiuto 21 anni, essendo nato il 18 agosto del 1922. L’8 settembre 1943 mi trovavo di guardia al comando di divisione nei pressi del porto di Sami, dove ci eravamo trasferiti da pochi giorni, quando sul far della sera, tramite la stazione dei radiotelegrafisti apprendemmo la notizia dell’avvenuto armistizio. Ricordo come fosse adesso che un soldato (siciliano) che si chiamava Fischietto uscì gridando “presto rivedrò mia mamma!”. Ricordo benissimo l’episodio; quindici giorni più tardi (il 23 settembre) nei pressi di una località chiamata “Villa inglese” posta su un’alta montagna, fui catturato dai tedeschi assieme ad un centinaio di altri soldati. Mentre venivamo riportati a valle, nei pressi di passo Kulumi, sulla strada che conduce ad Argostoli, vidi il corpo di Fischietto assieme a quello di un ufficiale (mi sembra si chiamasse Scagno, ed era noto da civile in quanto disegnava sul giornalino di Torino “Il Marcaurelio”) che conoscevo abbastanza bene perché era venuto diverse volte presso il nostro comando.
Avevo seguito a Zante un corso di segnalatore e a Cefalonia, nei mesi di Aprile e Maggio, un corso di nuotatore nella rada di Argostoli.
Inizialmente il Comandante della Compagnia fu il capitano Pantano.
Trasferiti nel febbraio del 1943 a Cefalonia, dopo un mese e mezzo, la mia Compagnia da Argostoli venne spostata nei pressi di Valsamata, attendata sotto gli ulivi. In quel periodo il cap. Pantano fu designato al comando di un’altra Compagnia e in sua sostituzione venne nominato comandante di Compagnia il ten. Triolo. Dopo poco tempo venne sostituito dal ten. Calabrese, un ufficiale molto giovane, credo fosse del 1920 (mi pare provenisse dall’Abruzzo). Era molto stimato e benvoluto da tutta la truppa. Della Compagnia faceva parte anche il tenente Rigo, uno dei pochi ufficiali che scampò dalla fucilazione alla “casetta rossa” (lo salvò il fatto di essere altoatesino).
Il giorno 13, si sentirono chiaramente colpi sparati dalla nostra artiglieria contro alcuni “zatteroni” tesdeschi, che procurarono la morte di alcuni (6?) dei loro soldati. I combattimenti veri e propri iniziarono verso le 13.00 del 15 settembre. Tra le nostre fila correva voce (ma non ne sono stato testimone diretto) che, alcuni giorni prima, soldati della nostra artiglieria avessero sparato dei colpi “sopra le teste” degli ufficiali superiori per evitare, come forse pensavano (o avevano motivo di credere), che ci fosse l’intenzione di cedere le munizioni ai tedeschi.
Nei giorni di combattimento ebbi l’incarico di portaordini assieme all’amico Bernagozzi, anche lui ferrarese come me. L’incarico era molto pericoloso perché tutto il giorno eravamo esposti esposti alla vista degli aerei che bombardavano di continuo. Dopo aver dormito sotto gli ulivi, la mattina del giorno 21 mi trovavo insieme a Bernagozzi ed al ten. Calabrese nella zona di Razata, quando sentimmo i nostri cannoni sparare su Licsuri e, guardando col binocolo del tenente, vedemmo alcune imbarcazioni (chiatte) tesche colpite dai colpi dell’artiglieria. Pochi minuti dopo vedemmo però i nostri soldati fuggire inseguiti da raffiche di mitra. Il ten. Calabrese ci disse che avremmo fatto meglio a tornare al Comando di Reggimento. Stavamo per andare quando una pattuglia di sedici Stukas ci sorprese. Il tenente volle che prendessi la sua borraccia perché mi sarebbe potuta servire. Scappammo attraverso il paese e, nella gran confusione, ci perdemmo di vista. Io mi rifugiai dietro il muro del cimitero e da lì vidi “volare via” la punta del campanile colpita dagli aerei. Venne colpito un deposito di carburanti e, approfittando della nuvola di fumo sprigionatasi dal conseguente incendio, fuggii attraversando una folta boscaglia. Mi ricordo di aver corso fino alle quattro del pomeriggio. Faceva un gran caldo e la borraccia piena d’acqua che il tenente mi aveva lasciato si rivelò utilissima. Arrivai a Valsamata, dove avevamo l’attendamento. Assieme ad altri soldati, dopo aver camminato tutta la notte ed il giorno 22, arrivammo in una località denominata “Villa inglese” posta su un’alta montagna. Il giorno successivo fui catturato assieme agli altri soldati e condotto alla caserma Mussolini dove rimasi fino al giorno 28 quando ci imbarcarono per portarci a Patrasso. La nave sulla quale ero imbarcato urtò una mina e saltò in aria. Io mi trovavo sul ponte, e riuscii a salvarmi gettandomi in mare e nuotando fino a riva. Purtoppo, per i prigionieri che si trovavano nella stiva, non ci fu nulla da fare. Nei primi giorni di Ottobbre fui portato a Patrasso dove rimasi per circa un mese prima di essere trasferito ad Atene. Da lì, il giorno 8 novembre partimmo in treno per un viaggio di 25 giorni che ci portò in Bielorussia. Appena sceso dal treno rimasi ferito per lo scoppio di una mina antiuomo e fui trasposrtato all’ospedale di Brest, dove rimasi fino al 17 di gennaio 1944.
In merito alla sua domanda sul presunto “referendum”, Le posso assicuare che a me come ad altri della mia Compagnia non fu chiesto assolutamente nulla. Dopo il mio ritorno in Patria nel corso dei primi raduni dei reduci di Cefalonia per ricordare i Caduti, ho sentito per la prima volta parlare del presunto “referendum”, ma sicuramente questa voce non giunse al Comando della mia Compagnia.
Per quanto riguarda l’ultima domanda, ritengo che qualora fossero state cedute le armi non ci sarebbe stata una così brutale strage; tuttavia non credo che saremmo stati riportati in Italia, ma avremmo purtroppo conosciuto (così come è stato per chi scampò alla strage) i lager germanici.
In merito alle mie vicende di guerra ho molti altri ricordi che non ho inserito in queste righe, in quanto forse non chiaramente pertinenti con gli episodi più “critici” accaduti in quei tragici giorni del settembre 1943.
Sarei comunque ben lieto di poter parlare direttamente con Lei qualora avesse l’opportunità di venirmi a trovare.
Con i più sinceri e cordiali saluti.
Un affettuoso abbraccio.
Romildo Mazzanti
24 settembre 2001
Ospital Monacale (FE)

____________________________
 
 
 
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | HOME PAGE | Via Federico Filippini - Roma | NOTIZIARIO DI CEFALONIA.IT | IL PROCESSO MUHLHAUSER | OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE | MI SONO ROTTO... | PAOLETTI (RI)VERGOGNATI | CEFALONIA ricordata a Bagnaia (VT) | CEFALONIA - I Caduti tedeschi | Il numero dei Caduti a Cefalonia | Al Ministro La Russa: Ode su Cefalonia | RASSEGNA STAMPA | L I N K S | LA MIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE A DORTMUND | Le Archiviazioni inviatemi dalle Procure di Dortmund e di Monaco | Il BUSINESS CEFALONIA | BADOGLIO ED AMBROSIO: I VERI RESPONSABILI DI CEFALONIA | Padre Romualdo Formato - Un nipote ci scrive | IL PADRE DI TUTTI I FALSI SU CEFALONIA: il Comunicato del 13.9.1945 | Associazione Acqui che pena | I 'PIFFERAI' DI CEFALONIA | TRADITORI A CEFALONIA | Notizie dall'Ass. ACQUI | CONVEGNI SU CEFALONIA | CEFALONIA - Quale verità ? | Ringraziamenti....si fa per dire | GLI ERRORI di ROCHAT su Cefalonia | Il Reduce Alfredo Reppucci racconta... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | CEFALONIA: LA MENZOGNA CONTINUA | Il Reduce Ermanno Bronzini racconta... | Notizie ANRP - 2 | Il fratello del gen. Gandin ci scrive... | Le gesta di Apollonio ovvero... | LA VOCE DEI LETTORI | Intervento di Filippini al Convegno di Firenze | I dimenticati di Cefalonia | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Il Reduce cap. Hengeller racconta... | NON CI FU REFERENDUM | Il Reduce S. Perrone ci scrive... | Il cap. Piero Gazzetti un Martire dimenticato | E LE FFAA STANNO A GUARDARE | Il presidente emerito Ettore Gallo ci scrive | L'armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Dove stavano gli studiosi di Cefalonia nel 1998 ? | La Vedova del cap. Bronzini ci scrive... | I 'Pifferai' di Cefalonia | LA SAGRA DELLE BUGIE | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Padre Formato - Un nipote ci scrive... | Sergio Romano: CEFALONIA - Una pagina nera | RECENSIONI | FILM RAI SU CEFALONIA | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | IO E I PRESIDENTI | Cefalonia: la sagra delle bugie | TRADITORI A CEFALONIA | Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ? | COMPAGNI DI MERENDE | IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI... | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | Lettera aperta a W. Veltroni | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | I maneggioni di CEFALONIA | RECENSIONI | E LE FFAA STANNO A GUARDARE... | LA VOCE DEI LETTORI | APOLLONIO: UN MITO PER POCHI INTIMI | Il Corsera: Gandin fu un traditore | Lettera aperta a W. Veltroni | PREMIO ACQUI STORIA O ACQUI FAVOLE ? | Film Rai 'Cefalonia' - Che bella fiction ! | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza | Cefalonia: un eccidio senza prove | LA TESI DELLA VERGOGNA