HOME
Il Notiziario di Cefalonia.it
Mario Cervi su Cefalonia
CEFALONIA LA MENZOGNA CONTINUA
CONVEGNI SU CEFALONIA
L'Istruttoria tedesca e la mia Costituzione di PC
RINGRAZIAMENTI (SI FA PER DIRE)
OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE
Premio Acqui Storia o Acqui Favole
Associazione Acqui che pena
L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI
Il capitano Gazzetti - Un MARTIRE vilmente dimenticato
Un eccidio senza prove
Gli errori di Rochat su Cefalonia
L I N K S
APOLLONIO - Un Mito per pochi intimi
Il processo per i fatti di Cefalonia
IL NUMERO DEI CADUTI DI CEFALONIA
Cefalonia - Il convegno di Toritto e quello di Bari
LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini
PAOLETTI (RI) VERGOGNATI
Il fratello del gen. GANDIN ci scrive...
Una sinistra icona: il compagno-capitano Pampaloni
Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza
La Vedova del cap. Bronzini ci scrive...
I 'Pifferai' di Cefalonia
La 'Ballata della Acqui' ovvero...
LA SAGRA DELLE BUGIE
Il Reduce Luigi Baldessari racconta...
Padre Formato - Un nipote ci scrive...
ODE SU CEFALONIA
RECENSIONI
FILM RAI SU CEFALONIA
MORTI BUONI E MORTI CATTIVI
IO E I PRESIDENTI
TRADITORI A CEFALONIA
TRADITORI A CEFALONIA
IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE
NON CI FU REFERENDUM
Le mani della Sinistra su Cefalonia
Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ?
COMPAGNI DI MERENDE
IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA...
LA TESI DELLA VERGOGNA
CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI...
IL BUSINESS CEFALONIA
CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli
Lettera aperta a W. Veltroni
UN PROCESSO MAI CELEBRATO
Notizie ANRP
NOTIZIE ANRP 2
E LE FFAA STANNO A GUARDARE...
LA VOCE DEI LETTORI
Notizie dall'Ass. Acqui
Chi è senza peccato...
Si scrive ANRP si legge ANPI
CEFALONIA in BUONE MANI
ATTILIO TAMARO su Cefalonia
Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale Gallo ci scrive...
Convegno a Firenze dell'ANCFARGL
Mio intervento al Convegno di Firenze dell' ANCFARGL
Il mandolino di Corelli e un mandolinista mancato: Togliatti
Fango sul generale Gandin
Le gesta di Apollonio
Indro Montanelli su Cefalonia
Sergio Romano su Cefalonia
L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda
Il Reduce Reppucci racconta...
Il Reduce cap. Hengheller racconta...
Il Reduce Veronesi racconta...
Il Reduce Perosa racconta...
Il Reduce Romildo Mazzanti racconta...
Il Reduce Saverio Perrone ci scrive...
Il FATTACCIO COMPIUTO
I DIMENTICATI di Cefalonia
La Relazione di SEGANTI su Cefalonia
RASSEGNA STAMPA
L'INVENZIONE DEI
" BANDITI ACQUI"
ovvero
"I FURBETTI DI CEFALONIA"
Gli eroici 'banditi' -al servizio dei tedeschi- alcuni dei quali ladri e aspiranti rapinatori a spese dei poveracci greci....
Un'epopea di falsi resistenti fondata sull'imbroglio e smentita da loro stessi nella
DICHIARAZIONE
che segue.
* * *
I “FURBETTI” DI CEFALONIA

DAL ‘FONDO’ APOLLONIO LA VERITA’ SUI SEDICENTI “BANDITI ACQUI”

Una brutta notizia per gli strenui esaltatori -ancora in circolazione- del capitano Apollonio in vesti di Eroe di Cefalonia, sul cui operato di certo spenderanno parole di elogio alcuni di loro invitati al Convegno del 2 e 3 marzo prossimi indetto a Parma sullo ‘Sterminio della divisione Acqui” che non ci fu affatto nelle dimensioni ciclopiche di 9 o 10000 morti al pari del preteso eroismo di cui si vorrebbe –contro l’evidenza- accreditare la figura di Apollonio.
A proposito del quale, spigolando a suo tempo nel FONDO avente il suo nome, donato dall’associazione ‘Acqui’ all’Ufficio storico dell’Esercito, trovammo una serie di documenti da lui conservati in bell’ordine molti dei quali però aventi contenuti demolitori dell’aureola di ‘Eroe’ anti tedesco con cui i suoi apologeti di allora –i ‘furbetti’ di cui tratteremo- e quelli di oggi tentarono e tentano di farlo passare.
A voler pensar male, sembra quasi che qualcuno del suo entourage, essendosi accorto dell'anomalia, abbia provveduto a far ritirare dall'ufficio storico il predetto 'FONDO APOLLONIO' da cui fortunatamente riuscimmo ad estrarre copia di vari documenti di cui abbiamo in questa sede il piacere di presentare quello relativo alle gesta invero poco eroiche compiute –insieme con i tedeschi e non contro di loro- da lui e dai suoi uomini cioè quelli che da bravi 'furbetti' si fecero chiamare 'Banditi Acqui' dopo che se ne furono andati via da Cefalonia i tedeschi; il documento in questione infatti certifica e prova inoppugnabilmente la collaborazione con la Wehrmacht dei predetti 'furbetti' e del loro gran Capo durante l'occupazione dell'isola seguita ai tristi fatti del settembre 1943.
Si tratta di una Dichiarazione di tre pagine firmata da cinque sottufficiali che restarono agli ordini di Apollonio -a sua volta al servizio dei tedeschi- in cui essi cercando di dimostrare una presunta attività di sabotaggio dello stesso nei riguardi dei tedeschi ottengono l’effetto inverso cioè quello di confermare appieno l’esistenza di un’immonda collaborazione con i tedeschi da parte loro in veste di ‘aderenti’ perfettamente armati ed equipaggiati, in attesa di fare successivamente ‘i furbetti’ presentandosi come “i Banditi Acqui” cioè come eroici combattenti contro i nazisti ovviamente dopo la partenza di questi ultimi da Cefalonia.
Questa, in sintesi, la fandonia inventata per presentare i famosi 1.286 “Banditi Acqui” alla stregua di autori di un’inesistente resistenza ‘sulle montagne di Cefalonia’ (come si legge nel sito dell’ANPI) e superstiti quasi unici dell’altrettanto inesistente massacro ‘ciclopico’ avvenuto sull’isola.
Incredibilmente questa invereconda mistificazione fu spacciata per autentica –nel silenzio delle FFAA- dall’allora egemone sinistra storico-culturale che additò i ‘furbetti’ alla stregua di eroici combattenti antinazisti con il loro capo -‘l’intrepido’ capitano Apollonio- in vesti di eroe partigiano cui le ‘ingrate’ FFAA del dopoguerra -rimaste ancora un covo di reazionari- non vollero conferire quella medaglia d’oro che ben meritava per le sue eroiche imprese (!!), preferendo assegnarla alla sua più illustre vittima quel generale Antonio Gandin il quale -se ebbe un torto- fu quello di non averlo fatto fucilare prima che le sue azioni provocassero, come purtroppo avvenne, l’irreparabile..
Riportiamo di seguito il testo della Dichiarazione (di cui in appendice è riprodotta la copia dell’originale) cui faremo seguire un breve commento:

D I C H I A R A Z I O N E

Argostoli lì, 17 ottobre 1944

Noi sottoscritti, dopo essere stati ammoniti a dire la verità solamente la verità, possiamo testimoniare davanti a Dio e agli uomini quanto segue:
Durante l’azione condotta dai tedeschi dal 12 al 16 luglio 1944 contro i partigiani nella zona di SAMI – DIGALATA – ZANATA il Capitano APOLLONIO
1) non fece mai alcun prigioniero;
2) non disse mai ai tedeschi dove potevano trovarsi dei partigiani;
3) non fece sparare né col moschetto né con le bombe a mano;
4) non volle mai nemmeno assistere alle fucilazioni eseguite dai tedeschi e dai P. O. K.(i greci collaborazionisti, nda) rivelando con ogni suo gesto, con ogni sua parola la più completa ed assoluta disapprovazione per quanto stava avvenendo;
5) non fece mai perquisire alcuna casa, anzi, punì dei soldati che contro i suoi ordini precisi erano andati ad asportare dell’olio e delle pentole in una casa già bruciata;
6) punì severamente altri soldati che erano entrati in una casa per farsi dare del formaggio e del vino;
7) nei giorni 12 e 13 proibì la libera uscita la sera, onde evitare che i suoi soldati trascinati dal cattivo esempio dei tedeschi potessero, sia pure in misura limitata, partecipare ad atti di rapina contro la povera popolazione greca della zona;
8) dai tre sottufficiali tedeschi che erano al seguito del Capitano APOLLONIO furono rubate solamente 5 capre e circa un sacco e mezzo di farina; tali sottufficiali tedeschi non rubarono altro data la palese disapprovazione del Capitano APOLLONIO, il quale ebbe a dire che lui era un soldato e non un brigante;
9) per ordine del Comando tedesco furono poi presi sotto la vigilanza di un maresciallo tedesco circa 30 sacchi di carbone che furono inviati all’officina tedesca per dei lavori di forgia;
10) più tardi nei giorni 17 e 18 furono date dalla sussistenza tedesca circa 50 pecore, che però furono conteggiate come regolare spesa viveri;
11) quando il Comando tedesco diede ordine di sparare sul paese di ZANATA il Capitano APOLLONIO, nonostante in Batteria (su due pezzi) ci fosse il Ten OELSCHLAGER. e itre sottufficiali , con la scusa di volersi inoltrare fino a dove era giunta la fanteria tedesca, si spinse avanti con la sua macchina fino all’ingresso di ZANATA. Accertatosi che in ZANATA non c’era alcun partigiano, data un’occhiata alla conformazione topografica della zona tornò indietro. Sparò quindi complessivamente 32 colpi: i primi 5 colpi, tra la evidente disapprovazione dell’ufficiale tedesco, furono molto lunghi (circa 1500 metri) e più di 200 millesimi a destra del paese. In tale zona infatti c’era una distesa di prati dove non si vedeva anima viva. Così la popolazione fu avvertita di ripararsi. I colpi successivi furono tirati tutti all’inizio del paese, proprio sul bivio stradale, tra le case di PETRATOS e il cimitero. Con tale tiro molto corto si potè sollevare un bel polverone che ingannò alquanto il Comando tedesco così che pochi minuti dopo fece sospendere il fuoco.Come risultato dell’azione si ebbe subito la gioia di constatare che in paese non v’era stato: a) nessun ferito b) nessuna casa distrutta c) nessuna casa danneggiata . Nella sola casa di Petratos, in seguito alle detonazioni delle granatae cadde qualche calcinaccio.
12) Il Capitano APOLLONIO non partecipò mai e nemmeno volle mai assistere ad incendi di case. Anzi proprio in presenza del Tenente tedesco OELSCHLAGER disapprovò tale vandalico sistema.
13) Il Capitano APOLLONIO parlando con il maresciallo tedesco interprete FELLNER ebbe a dire, generalizzando, che quale appartenente alla nazione che aveva diffuso nel mondo le leggi del diritto, non poteva approvare fucilazioni senza processo (alludendo in tal modo anche alle fucilazioni in massa eseguite contro gli italiani nel settembre 1943).
14) Durante i quattro giorni dell’azione, il Capitano APOLLONIO, nonostante vicino a lui ci fossero tutti gli ufficiali del comando tedesco, non si avvicinò mai ad essi, anche i pasti li consumò sempre insieme ai suoi soldati. Più volte durante la giornata il Capitano APOLLONIO si spingeva con la macchina per quattro o cinque chilometri oltre la linea di fanteria tedesca: si seppe qualche giorno dopo dagli stessi greci che il Capitano APOLLONIO andavanti onde far comprendere ai partigiani che i tedeschi stavano giungendo.

F. to Mar. llo Vender Luigi
“ Fragomeni Attilio
“ Franceschini Renzo
“ Bruno Leonardo
Serg. Grazzini Amedeo

G E N E R A L I T A’

Maresciallo VENDER Luigi fu Simone – distr. Bergamo – Cl. 1915 – Res. Lovere (BG)
“ FRAGOMENI Attilio fu Ilario – Distr. Napoli – Cl. 1913 Res.Napoli
" FRANCESCHINI Renzo fu Decenzio – Distr. Modena – Res. Castelvetro (MO)
“ BRUNO Leonardo di Raffaele – Distr. Bari – Cl. 1916 Res. Turi (BA)
Sergente GRAZZINI Amedeo di Alberto – Distr. Milano – Cl. 1920 – Res. Milano

p. c. c.
L’UFFICIALE ADDETTO
(TEN. Ferrari Fulvio)


La dichiarazione su riportata, ancorché resa dai firmatari con intenti giustificativi del loro Capo è la più ampia conferma –lo ripetiamo ancora una volta- del “COLLABORAZIONISMO” con i tedeschi, fino alla loro partenza indisturbata dall’isola, di quelli che successivamente sarebbero stati chiamati o meglio si sarebbero auto denominati “Banditi Acqui” mentre con più aderenza alla realtà sarebbe stato giusto chiamarli ‘i furbetti di Cefalonia’ come noi facciamo ora a distanza di tanti decenni ma, come dice il proverbio ‘è meglio tardi che mai’.
Dalla stessa , evidentemente suggerita e probabilmente scritta da Apollonio, stante l’abissale ignoranza e la conseguente incapacità di scrivere in modo grammaticalmente corretto di gente -come i firmatari- presumibilmente assai scarsa di letture, si ricava una vera e propria ammissione di responsabilità dei ‘furbetti’ e del loro Capo sulla loro collaborazione con i tedeschi che, malgrado fosse cosa risaputa da tutti sia a Cefalonia che in Italia dopo il loro rientro a Taranto, fu tenuta nascosta o meglio fu coperta da una serie di elogi agli eroici “Banditi” rientrati in Italia al comando del loro Capo “perfettamente inquadrati ed armati”.
Su quest’ultimo punto non c’è dubbio alcuno considerato che essi furono addestrati e tenuti “in armi” proprio dai tedeschi durante l’anno in cui convissero con loro essendo tra l’altro il loro Capo –come si legge nella Requisitoria del Pubblico Ministero del processo del 1956-57- ‘talmente affiatato con i tedeschi che pochi giorni dopo l’eccidio andava a mensa con i loro ufficiali’.
Malgrado ciò vogliamo pensare (ma ci crediamo poco) che egli, -pur trovandosi con i suoi uomini dalla parte di coloro che poco tempo prima avevano massacrato quasi tutti i suoi colleghi ufficiali e una parte deilla truppa- sia stato sincero quando “non volle mai nemmeno assistere alle fucilazioni eseguite dai tedeschi e dai P. O. K. (i greci collaborazionisti) rivelando con ogni suo gesto, con ogni sua parola la più completa ed assoluta disapprovazione per quanto stava avvenendo”.
.Come esempio di strenua resistenza non c’è male anche perché -a sua imperitura gloria- si legge anche che egli “non disse mai ai tedeschi dove potevano trovarsi dei partigiani” e “non fece sparare né col moschetto né con le bombe a mano”.
Di fronte ad atti così “eroici” (!) è impossibile non restare ammirati, ma c’è dell’altro che contribuisce ad ingigantire ancor più la sua figura..
Alcuni ‘furbetti’ ai suoi ordini, infatti, non fecero per intero il loro dovere ed allora egli manifestò in pieno le sue doti di Capo severo e intransigente come si deduce dai punti della dichiarazione dove gli stessi ‘furbetti’ firmatari dicono che Apollonio “ non fece mai perquisire alcuna casa, anzi, punì dei soldati che contro i suoi ordini precisi erano andati ad asportare dell’olio e delle pentole in una casa già bruciata” ovvero “punì severamente altri soldati che erano entrati in una casa per farsi dare del formaggio e del vino o ancora “nei giorni 12 e 13 proibì la libera uscita la sera, onde evitare che i suoi soldati trascinati dal cattivo esempio dei tedeschi potessero, sia pure in misura limitata, partecipare ad atti di rapina contro la povera popolazione greca della zona”.
Il lirismo della dichiarazione tocca qui vette eccelse anche se mostra i ‘furbetti’ in modo non proprio esaltante stante la loro acclarata propensione al furto di derrate alimentari come olio formaggio e vino certamente dovuta, però, al cattivo esempio dei tedeschi con i quali c’era purtroppo anche l’eventualità che essi potessero partecipare ad ‘atti di rapina’ contro la popolazione.
Come esempio di virtù militari e di nobili intenti antinazisti –sia pur costellati da tentativi di furti o di rapine- dei ‘furbetti’ non ancora ‘Banditi’ non c’è male e ci dispiace che il futuro generale Apollonio non abbia reso pubblica a suo tempo la “Dichiarazione” in questione che avrebbe di certo contribuito efficacemente a fargli ottenere quella medaglia d’oro che l’insegnante di tedesco Paoletti -ospite d’onore al convegno di Parma del 2-3- marzo prossimi- reclama insistentemente per lui unitamente all’altro ospite onorifico prof. Gallotta che sull’eroismo del suo idolo ha scritto alcuni apologetici saggi.
In proposito, anche a causa della nausea che ci attanaglia, ci limitiamo a ribadire la validità dell’antico detto per cui ‘de gustibus disputandum non est’ .
Per concludere queste brevi note su di un tale, inverosimile campionario di miserie umane rileviamo infine ‘la ritrosia’ del capitano Apollonio, evidenziata al punto 12, il quale “nemmeno volle mai assistere ad incendi di case” ed anzi ebbe l’incredibile coraggio di disapprovare “tale vandalico sistema”.
Un tale atto di eroismo ben meritava la medaglia d’Oro cui egli aspirava e che le Autorità, ingrate, non gli conferirono preferendo concederla al ‘traditore’ Gandin da lui e dai ‘furbetti’ al suo servizio additato come complice dei tedeschi (dai quali anziché essere invitato a pranzo, venne fucilato…) e contro i quali invece egli ed i suoi eroici (si fa per dire) uomini …combatterono tanto efficacemente come la Dichiarazione in oggetto dimostra.
Il lettore ha tutti gli elementi per giudicare: ciò che è triste, purtroppo, è che alla base di tale messa in scena vi furono dei poveri morti sulla cui dipartita nessuno –neanche le FFAA che ne avevano il preciso dovere- ha mai avuto il coraggio di rendere note per intero le vere responsabilità.
Ma l’Italia come si sa è il paese dei furbi, anzi dei “furbetti”.

Massimo Filippini
* * *
CONSIDERAZIONI SULLA FICTION RAI 'CEFALONIA'

La seconda parte della fiction Rai CEFALONIA e' un incredibile ricettacolo di balle, incentrata com'e' sulla narrazione di presunte attivita' belliche dei cosiddetti 'Banditi Acqui' i quali altri non furono che un migliaio di nostri militari rimasti sull'isola
-IN QUALITA' DI COLLABORATORI DEI TEDESCHI-
che ne affidarono il comando al capitano Apollonio salvatosi, dopo la tragedia che concorse a provocare, togliendosi i gradi e spacciandosi per soldato e ricomparendo poi a fianco dei nuovi padroni tedeschi, che gli affidarono incarichi di comando:
altro che 'resistenza' sui monti o sui mari !
Con italica disinvoltura dopo la partenza dei tedeschi egli ed i militari rimasti al suo comando vennero fatti passare per 'Banditi Acqui' ed ottennero anche riconoscimenti da parte inglese, come se avessero compiuto chissa' quali atti di sabotaggio di cui pero' non si e' mai trovata traccia. .
La montatura era talmente evidente che lo stesso Apollonio evito' di dare eccessiva pubblicita' alla cosa pur avendone avuto la possibilita' di farlo -grazie anche alla posizione raggiunta- per oltre mezzo secolo.
Poco male.
A cio' ha posto rimedio la "puttanata" televisiva che appunto nella seconda parte diventa un'esaltazione, tra l'altro assai noiosa, di atti di sabotaggio mai avvenuti, compiuti dal predetto in collaborazione con il fido Zingaretti e addirittura con i servizi segreti inglesi.
Si tratta, com'e' evidente, di una manovra orchestrata per riportare alla ribalta in modo credibile la favola dei 'Banditi Acqui'
(gia' collaboratori dei nazisti)
sui quali,tra l'altro, si e' pronunciato in modo categorico l' altro presunto Eroe, il compagno-capitano Amos Pampaloni,
a detta del quale i Banditi Acqui non fecero assolutamente niente
all'infuori della collaborazione con i tedeschi.
Alla faccia, naturalmente, dei poveri morti che essi
-con i loro comportamenti ribelli ai propri Superiori-
concorsero a far ammazzare.

Che schifo !

Massimo Filippini
Orfano di un Martire di Cefalonia
__________________
Vedi presentazione in Home Page
° ° °

Dal libro
"LA TRAGEDIA DI CEFALONIA - Una verità scomoda"

- I -

Una delle menzogne più clamorose raccontate sui fatti di Cefalonia, è quella secondo cui dopo la carneficina operata dai tedeschi, i sopravvissuti avrebbero costituito sull'isola -sotto l'egida dell' "intrepido" capitano Apollonio- uno strano "Raggruppamento Banditi Acqui" che, operando nell'ombra, proseguì la lotta, arrecando gravi danni al nemico, fino al giorno della Liberazione dell'isola avvenuta anche attraverso il "determinante" contributo di detto Raggruppamento.
Tale fandonia, venne propagandata soprattutto dal cappellano Luigi Ghilardini con l'evidente intento di magnificare le gesta del suo idolo Apollonio, con cui, nel dopoguerra, instaurò un sodalizio che portò quest'ultimo a presiedere l'Associazione dei Superstiti e Familiari della div. Acqui e lui stesso ad esserne il segretario.
Dalla sua fertile inventiva uscì dunque la favola del "Raggruppamento Banditi Acqui" di cui ci siamo occupati nel nostro libro, costituendo essa, un'altra incredibile menzogna raccontata sulla tragedia di Cefalonia.
Di essa, ovviamente, è autorevole "reporter" il sito dell' ANPI ove, in merito, si legge: " ... Molti dei superstiti dell’eccidio si rifugiarono nelle asperità dell’isola e continuarono la resistenza nel ricordo dei compagni trucidati e si costituirono nel raggruppamento Banditi della Acqui, che fino all’abbandono tedesco di Cefalonia si mantenne in contatto con i partigiani greci e con la missione inglese operando azioni di sabotaggio e fornendo preziose informazioni agli alleati".
Ciò premesso riteniamo di far cosa gradita ai nostri "due o tre" lettori, riportando uno stralcio di quanto scrisse, dopo accurate ricerche, il colonnello Vincenzo Palmieri nel suo libro "Quelli delle Jonie e del Pindo" la cui lettura raccomandiamo vivamente a chi è interessato alla verità dei fatti e non alle bugìe sparate da associazioni e personaggi che, pur godendo di autorevoli "avalli", restano pur sempre, le une e gli altri, dei mentitori.
Ecco il testo:
"Per quanto riguarda la liberazione dell'isola di Cefalonia, la narrazione che ne fa don Luigi Ghilardini nel suo libro, si sbriciola in affermazioni vaghe e non convincenti intese a far apparire liberatori dell'isola i prigionieri italiani della "Acqui", sparsi in vari centri della stessa ed in piena libertà di movimento per poter adempiere a mansioni di supporto per l'efficienza del presidio germanico (ricostituzione di due batterie di cannoni di preda bellica, raccolta e manutenzione materiali di artiglieria, ripristino della viabilità. ordinamento depositi). Liberatori dell'isola sarebbero stati i superstiti della "Acqui", senza uno scambio di fucilate, senza un ferito ? E quando poi nell'isola, a copertura dell'esodo della truppa tedesca c'erano i mille greci collaborazionisti del Battaglione di Sicurezza che il Ghilardini ignora del tutto. Collaboratori, per costrizione, i prigionieri italiani? O forse sabotatori per quell'indifferentismo passivo ed ostile che insorge istintivo in prigionìa e che li porterà il 9 settembre 1944 a dichiararsi disponibili per il Comando alleato del Medio Oriente organizzati dal loro comandante in un Battaglione Servizi Ausiliari, in un Gruppo artiglieria, in un Reparto Marina, un tutto fragile ed enfatico complesso destinato a sfrangiarsi e diluirsi sotto le povere tende del campo di raccolta sant'Andrea a Taranto?
Si rifiuteranno, -salvo alcune eccezioni- quest'italiani di Cefalonia di entrare a far parte di una formazione volontaria italiana inquadrata nell'organizzazione partigiana dell'E.l.a.s. per combattere il tedesco sul continente greco; non rifiutano il combattimento, affermeranno, preferendo menar le mani, se occorre, in casa propria, in Italia, non in terre straniere, ed è per questo loro atteggiamento che il Comando E.l.a.s. ne ordinerà il disarmo. Cozzo d'ideologie, insorgere di contrasti, di meschine gelosie, mentre ricompare sulla scena il capitano Amos Pampaloni che sbarca sull'isola da comandante partigiano con un "andartes", una fattispecie di aiutante di campo; prende possesso di una batteria comandata dal tenente Giov. Battista Mazzoleni e servita da artiglieri italiani, prigionieri, armata dai tedeschi per la propria difesa, ed induce tutti a trasferirsi, con i cannoni, fra i partigiani dell' E.l.a.s. Il grosso degli "andartes" sbarca nell'isola tra il 12 e il 13 settembre 1944 ed il giorno 14 comando e bande "andartes" entrano trionfalmente in Argostoli instaurandovi la propria piena autorità.
Da una relazione datata 10 novembre 1944 del Comando VII Brigata Ellenica partigiana in Argostoli, a firma del t. col. Cavadias emerge che "il capitano italiano Amos Pampaloni ha partecipato alle operazioni di occupazione di Cefalonia, sbarcando da solo dodici ore prima degli "andartes" greci, mentre nell'isola vi erano ancora circa mille fascisti armati greci al servizio dei tedeschi e duecento tedeschi. COL SUO PRESTIGIO PERSONALE PERSUADEVA UNA BATTERIA SERVITA DA ITALIANI CHE DA UN ANNO ERANO ALLE DIPENDENZE DEI TEDESCHI, di passare nelle file dei patrioti italiani inquadrati nell'E.l.a.s. e dopo un'ora dal suo sbarco fece aprire il fuoco contro quattro mezzi navali tedeschi che la sera precedente avevano affondato in quelle acque due velieri della Marina dell' E.l.a.s. e che con la loro presenza impedivano il transito dei mezzi trasportanti a Cefalonia gli "andartes" greci. Il 14 settembre veniva ferito in Argostoli alla gamba sinistra.
"IL CAPITANO PAMPALONI HA INOLTRE FATTO DEL SUO MEGLIO PRESSO I NOVECENTO CIRCA ITALIANI DI CEFALONIA CHE ERANO STATI PER UN ANNO ARMATI AL SERVIZIO DEI TEDESCHI e che alla partenza di questi, abbandonati, SI ERANO ARRESI PER MEZZO DI UN RADIOMESSAGGIO AL COMANDO ALLEATO DEL MEDIO ORIENTE, cercando di persuaderli a passare nelle file dei patrioti italiani dell'E.l.a.s. secondo le condizioni dell'allegato n. 1 copia del quale è stata consegnata al Comando italiano. La maggior parte degli italiani non ha aderito all'invito per l'intensa propaganda dei loro ufficiali che dichiaravano di non essere disposti a combattere fuori d'Italia.
"Per conseguenza questo Comando ha dovuto eseguire l'ordine dato dal proprio Comando superiore di disarmare gli italiani e solo per riguardo personale al COMPAGNO CAPITANO PAMPALONI, per riguardo agli italiani che da un anno combattono nelle file dll'E.l.a.s. e in considerazione dei combattimenti fatti dalla Divisione "Acqui" nel settembre 1943, è stato loro concesso di mantenere centoventi uomini armati".
Questa relazione confuterebbe quanto ha scritto don Ghilardini nel suo noto libro assegnando ai prigionieri italiani di Cefalonia "L'IDEAZIONE E LA SUCCESSIVA ATTUAZIONE DEL PIANO INSURREZIONALE, meticolosamente ed accuratamente studiato per lunghi mesi, ma che non avendo la possibilità di impegnarsi a fondo, il gruppo degli insorti italiani diluì il suo piano insurrezionale in una vastissima serie di piccole azioni distinte e isolate...e nel pomeriggio dell'8 settembre, subito dopo la brillante azione di controsabotaggio del complesso portuale di Argostoli che valse a salvare la città dalla distruzione, il "RAGGRUPPAMENTO BANDITI ACQUI" entrava in Argostoli finalmente liberata...Il 22 settembre 1944 mentre stava per entrare in Argostoli la prima colonna di patrioti greci dell'E.l.a.s. dopo quattro anni di lungo esilio e aspra lotta sulle montagne, la popolazione di Argostoli si riversò in piazza. Gli unici che sentivano un po' di amarezza pensando alla loro patria ancora calpestata dal nemico, erano i poveri italiani, che tanto avevano contribuito alla liberazione dell'isola. Ma i greci non dimenticarono. Improvvisamente la folla si ammassò sotto la sede del Comando delle truppe italiane gridando: "Una Bandiera! Una Bandiera!" - Quindi, impaziente di attendere, tolse dal cofano di una vettura ferma dinanzi al Comando una grande bandiera italiana. Dopo pochi minuti il Tricolore d' Italia sventolava su un pennone della piazza di Argostoli accanto alle bandiere greca, inglese, americana e russa. - Al riconoscimento del popolo greco seguiva quello del Quartier Generale Alleato del Medio Oriente che in considerazione del valido e prezioso contributo offerto nella lotta contro il tedesco durante il periodo dell'occupazione dell'isola, concedeva alle truppe del "Raggruppamento Banditi Acqui" l'onore di rientrare in Patria con tutte le armi individuali e di reparto e con la loro Bandiera".-
TUTTE BUGIE MESSE SU DA DON LUIGI GHILARDINI, ALMANACCANDO SU IPOTETICHE INSURREZIONI DI PRIGIONIERI ITALIANI ASSURTI AL RUOLO DI LIBERATORI DELL' ISOLA.
Viene fuori così un fantomatico "Raggruppamento Banditi Acqui" in cui, stando sempre alla narrativa del Ghilardini, s'identificherebbero i prigionieri italiani di Cefalonia.-
SI TRATTEREBBE DI UNA FATTISPECIE DI STRANA UNITA' MILITARE CHE, STANDO A QUEL CHE NARRA IL SACERDOTE AVREBBE OPERATO ATTIVAMENTE ED IN CLANDESTINITA' SENZA CHE TEDESCHI E INFORMATORI GRECI DEL LOCALE BATTAGLIONE DI SICUREZZA SE NE FOSSERO ACCORTI O NE AVESSERO AVUTO PALLIDO SENTORE: UN FATTO ABBASTANZA STRANO DATA LA PERFEZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE MILITARE E DI POLIZIA TEDESCA! "
Vincenzo Palmieri- "Quelli delle Jonie e del Pindo" (pagg. 137-140)

Con ciò anche la "palla" "del Raggruppamento Banditi Acqui" è sgonfiata ma, per celebrarne degnamente il "funerale", dimostreremo basandoci su documenti che, definire "esplosivi", è un dolce eufemismo, che i famosi "Banditi della Acqui" furono dei "collaborazionisti" che, ad onta dei massacri compiuti dai tedeschi sui loro commilitoni, non ebbero remore a porsi, in veste di "collaboratori" e non di "prigionieri", al servizio degli assassini tedeschi, seguendo l'esempio del loro capo Apollonio e di altri pochi ufficiali che restarono a Cefalonia al loro comando.
Coloro che, invece, non si adattarono a tale sporco gioco furono trasferiti -in veste di "prigionieri" - sul continente greco, subendo tutte le durezze e le privazioni di tale stato mentre i c.d. "Banditi della Acqui" restarono come "militari" ad usufruire dei vantaggi relativi alla loro collaborazione con i tedeschi salvo, a partenza avvenuta di questi ultimi, spacciarsi per eroici partigiani che combatterono sulle montagne contro quegli stessi occupanti con cui, invece, collaborarono.
L'imbarazzo emanante da ciò fu un altro dei motivi che portarono all’insabbiamento della vicenda da parte dell'Esercito che, per non rendere di pubblico dominio una simile vergogna, si vide costretto -per carità di patria- a rendersi complice, suo malgrado, delle frottole raccontate dai falsi eroi, sedicenti "Banditi della Acqui", i quali costruirono la loro fasulla "epopea" su migliaia di poveri morti di molti dei quali -come Gandin ed altri Ufficiali- non si peritarono di sparlare attribuendo loro una presunta "tedescofilia": ciò, detto da gente che, con i tedeschi, fece "pappa e ciccia", è il colmo dei colmi ed è ora che venga smascherato.
E' ciò che faremo, con prove documentali alla mano, premettendo che i nostri strali riguardano coloro che -in maggioranza Artiglieri- rimasero "armati" a servire i tedeschi con il loro comandante Apollonio e non quanti furono inseriti, in qualità di prigionieri, in Compagnie Lavoratori non aventi, come i primi, mansioni specificamente militari.

- I I -


Nel sito dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (anpi.it), in uno "Speciale Liberazione", sotto la dicitura "IL NO DELLA DIV. ACQUI", tra l'altro, si legge: “In ottobre (cioè un mese dopo l'eccidio del mese di settembre '43, n.d.a.) Apollonio formò con gli sbandati, protetti dai civili di Cefalonia, il "Raggruppamento Banditi Acqui", combattendo assieme ai partigiani fino all'insurrezione che dieci mesi dopo cacciò i tedeschi dall'isola.
Pampaloni era stato fucilato e ferito. Nascosto dai Greci, grati perchè li aveva riforniti di armi, entrò in una formazione comunista.
Entrambi tornarono in Italia e continuarono a combattere.
Nel 1956, con altri 26 ufficiali della Acqui, furono processati dal Tribunale Militare di Roma per rivolta, cospirazione e insubordinazione contro Gandin: assolti in istruttoria.
Poco dopo Pampaloni ebbe la medaglia d'argento al valore.
Nel 1960 lo stesso Tribunale assolse 30 militari tedeschi accusati di omicidio di prigionieri.
Il gen. Lanz nel 1948 fu condannato a 12 anni. Ne scontò cinque".
--------
Il suddetto brano è lo specchio fedele di come, da sessant'anni a questa parte, si sono riportati i fatti di Cefalonia, ancorandoli cioè, ai soliti due personaggi: Apollonio, "l'intrepido capitano" e Pampaloni, il "compagno capitano" e spargendo la diffamante calunnia secondo cui i responsabili tedeschi sarebbero stati addirittura "assolti" (!) mentre al contrario il Tribunale Militare, impossibilitato ad ottenerne l'estradizione e ad avere dati precisi sui presunti responsabili -a causa dell'inesistenza di un Trattato di Estradizione- si dovette limitare a ordinare la "prosecuzione" dell'istruttoria nei loro confronti, sperando, ovviamente, che avvenisse un qualche fatto nuovo, come ad esempio un accordo che ne permettesse l'estradizione.
Naturalmente in Germania fecero orecchie da mercante e fu proprio lì che l'istruttoria fu insabbiata, non certo in Italia.
Coloro che trattano con prosopopea l'argomento, senza saperne nulla, avrebbero fatto bene a stare zitti ma ciò non è avvenuto poichè a costoro i fatti di Cefalonia interessano soltanto per gli eventuali riflessi di carattere politico e non certo per pietà verso i Caduti di cui se ne sono altamente fregati per un sessantennio. Passando, ora, al duo Apollonio - Pampaloni, cui è da imputare gran parte di responsabilità della tragedia, è assodato come le "prodezze" di questi due signori siano state rese, dalla menzognera "vulgata" sui fatti, in modo tale da trasformare la tragedia di Cefalonia in una sorta di romanzo d'avventure, con costoro protagonisti principali e autori di imprese tali da far invidia agli eroi partoriti dalla fervida inventiva del Salgàri, con i quali ebbero in comune l'assoluta mancanza di credibilità per la fantasiosità e l’inesistenza delle situazioni inventate da detta "vulgata" , fatte passare, con assoluto dispregio della verità, per realmente avvenute.
Ciò va detto, in particolare, per l'Apollonio le cui presunte gesta di Comandante del fantomatico "Raggruppamento Banditi Acqui", rappresentano una delle più grandi mistificazioni dei fatti.

_________________________________
 
 
 
 
 
    [informazioni footer]    
HOME | Il Notiziario di Cefalonia.it | Mario Cervi su Cefalonia | CEFALONIA LA MENZOGNA CONTINUA | CONVEGNI SU CEFALONIA | L'Istruttoria tedesca e la mia Costituzione di PC | RINGRAZIAMENTI (SI FA PER DIRE) | OCCASIONI E RARITA' LIBRARIE | Premio Acqui Storia o Acqui Favole | Associazione Acqui che pena | L'INVENZIONE DEI BANDITI ACQUI | Il capitano Gazzetti - Un MARTIRE vilmente dimenticato | Un eccidio senza prove | Gli errori di Rochat su Cefalonia | L I N K S | APOLLONIO - Un Mito per pochi intimi | Il processo per i fatti di Cefalonia | IL NUMERO DEI CADUTI DI CEFALONIA | Cefalonia - Il convegno di Toritto e quello di Bari | LA TRAGEDIA DI CEFALONIA di Massimo Filippini | PAOLETTI (RI) VERGOGNATI | Il fratello del gen. GANDIN ci scrive... | Una sinistra icona: il compagno-capitano Pampaloni | Eccidio di Cefalonia: facciamo chiarezza | La Vedova del cap. Bronzini ci scrive... | I 'Pifferai' di Cefalonia | La 'Ballata della Acqui' ovvero... | LA SAGRA DELLE BUGIE | Il Reduce Luigi Baldessari racconta... | Padre Formato - Un nipote ci scrive... | ODE SU CEFALONIA | RECENSIONI | FILM RAI SU CEFALONIA | MORTI BUONI E MORTI CATTIVI | IO E I PRESIDENTI | TRADITORI A CEFALONIA | TRADITORI A CEFALONIA | IL CORSERA DEFINISCE GANDIN UN TRADITORE | NON CI FU REFERENDUM | Le mani della Sinistra su Cefalonia | Dove stavano gli STUDIOSI DI CEFALONIA nel 1998 ? | COMPAGNI DI MERENDE | IL REDUCE ERMANNO BRONZINI RACCONTA... | LA TESI DELLA VERGOGNA | CI VOLEVA GIAN ENRICO RUSCONI... | IL BUSINESS CEFALONIA | CEFALONIA: esploriamo i fondali di Argostoli | Lettera aperta a W. Veltroni | UN PROCESSO MAI CELEBRATO | Notizie ANRP | NOTIZIE ANRP 2 | E LE FFAA STANNO A GUARDARE... | LA VOCE DEI LETTORI | Notizie dall'Ass. Acqui | Chi è senza peccato... | Si scrive ANRP si legge ANPI | CEFALONIA in BUONE MANI | ATTILIO TAMARO su Cefalonia | Il Presidente Emerito della Corte Costituzionale Gallo ci scrive... | Convegno a Firenze dell'ANCFARGL | Mio intervento al Convegno di Firenze dell' ANCFARGL | Il mandolino di Corelli e un mandolinista mancato: Togliatti | Fango sul generale Gandin | Le gesta di Apollonio | Indro Montanelli su Cefalonia | Sergio Romano su Cefalonia | L'Armadio della vergogna ovvero la scoperta dell'acqua calda | Il Reduce Reppucci racconta... | Il Reduce cap. Hengheller racconta... | Il Reduce Veronesi racconta... | Il Reduce Perosa racconta... | Il Reduce Romildo Mazzanti racconta... | Il Reduce Saverio Perrone ci scrive... | Il FATTACCIO COMPIUTO | I DIMENTICATI di Cefalonia | La Relazione di SEGANTI su Cefalonia | RASSEGNA STAMPA